Caso Martina Rossi, oggi la decisione sulla video conferenza a Perugia per ascoltare i testimoni danesi

Una video conferenza per ascoltare gli ultimi testi della Procura. Prosegue il processo per la morte di Martina Rossi, la studentessa ligure  che il 3 agosto del 2011  perse la vita precipitando da un balcone dell'hotel Santa Ana di Palma di...

martina-rossi

Una video conferenza per ascoltare gli ultimi testi della Procura. Prosegue il processo per la morte di Martina Rossi, la studentessa ligure che il 3 agosto del 2011 perse la vita precipitando da un balcone dell'hotel Santa Ana di Palma di Marioca. In seguito alla sua morte sono finiti sul banco degli imputati due giovani aretini, Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, accusati di morte in conseguenza di altro reato, ovvero un tentativo di violenza sessuale.

E oggi, se non ci saranno sorprese dell'ultimo minuto, il Collegio presieduto dal giudice Angela Avila deciderà su quando ascoltare i due turisti danesi - padre e figlia - che in quella drammatica notte alloggiavano presso lo stesso hotel, in una stanza adiacente alla 609, quella dove si consumò la tragedia.

I due testi saranno ascoltati grazie ad una rogatora internazionale autorizzata lo scorso 26 luglio dal collegio giudicante. Più volte convocati non hanno mai raggiunto l'IItalia, perciò è stato stabilito di allestire una video conferenza presso il tribunale di Perugia, dove si trova una sala attrezzata. Quando? La data sarà decisa quest'oggi. Quattro i giorni papabili: il 14, il 17 o il 21 settembre.

La rogatoria riguarderà anche altri testi stranieri, compresa la cameriera spagnola, ad oggi unica testimone oculare della caduta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se però si verificassero degli imprevisti e all'ultimo momento la strada della videoconferenza si dimostrasse non praticabile, andrà quella tradizionale, che prevede domande e risposte trascritte e tradotte e poi inviate al Tribunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento