"Cagnolina aggredita ed enormi impronte vicino a casa. Un lupo?", l'appello di una famiglia di Pieve San Giovanni

La cagnolina sta combattendo tra la vita e la morte. I proprietari: "Attenzione a non lasciare animali incustoditi in orari serali"

Un cane di grande taglia o forse un lupo. I proprietari di Lucy, cagnolina di circa 10 anni che vive nelle campagne di Pieve San Giovanni, non sanno ancora chi l'abbia aggredita. Sanno però che la corsa all'aperto tra le 21 e le 22 di giovedì sera, potrebbe costarle la vita. La cagnetta infatti si trova adesso in prognosi riservata, dopo un pesantissimo intervento. E così i proprietari hanno deciso di lanciare un appello ai residenti della zona. 

"Siamo contrari alla guerra al lupo per principio - spiega la proprietaria - e siamo consapevoli che vivendo in campagna non dovremmo lasciare di notte la nostra cagnetta all'aperto. La sera l'abbiamo fatta uscire e l'avremmo fatta rientrare quando ci saremmo coricati. Ma è avvenuta l'aggressione. Adesso vorremmo sensibilizzare i residenti della zona, affinché evitino di lasciare gli animali nelle ore notturne all'aperto o di fare passeggiate da soli. I cinghiali sono alle porte e l'incontro con un lupo non si può escludere. L'unica cosa che possiamo fare è cercare di evitare certe situazioni".

Giovedì scorso i proprietari di Lucy la sentirono guaire, ma non abbaiare come faceva di solito alla vista di altri cani. Quando l'hanno trovata gravemente ferita hanno pensato all'attacco di un cinghiale, vista la presenza massiccia nelle campagne dell'Aretino. A scongurare questo tipo di attacco però è stato il verinario che adesso sta cercando di salvare la cagnetta. Più probaibile l'attacco di un grosso cane o di un lupo. I proprietari hanno trovato delle tracce intorno all'abitazione, hanno scattato foto, per capire se si tratti davvaro di un lupo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se qualcuno sa darci una risposta, gliene saremo grati. Vorremmo capire cosa è successo. Anche se non vogliamo scatenare in alcun modo una guerra al lupo, ma solo sensibilizzare chi vive in queste zone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento