Borse Yves Saint Laurent taroccate: circa 120 prodotti sequestrati. Imprenditore nei guai

Negli ultimi mesi sono stati intensificati i controlli per contrastare il fenomeno: nel mese di dicembre 2019, sono stati numerosi gli accertamenti nei punti di vendita in tutta la provincia di Arezzo

Circa 120 borse con il marchio Yves Saint Laurent contraffatto e destinate al mercato della moda sono state sequestrate dai finanzieri della compagnia di San Giovanni Valdarno al termine di una complessa - e più vasta - operazione per contrastare la diffusione di prodotti "taroccati". Al termine dell'operazione un imprenditore valdarnese è stato denunciato all'autorità giudiziaria.

Negli ultimi mesi sono stati intensificati i controlli per contrastare il fenomeno: nel mese di dicembre 2019, sono stati numerosi gli accertamenti nei punti di vendita in tutta la provincia di Arezzo. Dopo un preliminare sequestro eseguito nello scorso mese di marzo, quando le fiamme gialle scoprirono 600 pezzi di accessori di moda abilmente riprodotti, le indagini sono andate avanti ricostruendo la filiera del falso “parallelo”. In questo frangente sono state scoperte 118 borse griffate Yves Saint Laurent false.

Al termine delle investigazioni, al titolare di una nota impresa valdarnese, operante nel settore dell’abbigliamento e degli accessori di moda come “contoterzista”, è stato contestato il reato di "illecito commercio di capi contraffatti", poiché "deteneva per vendere e mettere in circolazione prodotti industriali con segni distintivi contraffatti, da inserire fraudolentemente nella filiera legale della moda".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati oltre duemila i prodotti contraffatti, complessivamente sequestrati nell’operazione che si inquadra nel più vasto ambito delle competenze di polizia economico-finanziaria attribuite al corpo, a contrasto di quelle forme di illegalità nel commercio più insidiose, che danneggiano gli operatori economici corretti, che agiscono nel rispetto delle regole. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Coronavirus: 16 nuovi contagi nell'Aretino: 5 dimissioni e due decessi. Il report giornaliero

  • Infermiere positivo al Covid: boom di casi in Valdarno. Un infetto anche nella rsa di Bucine

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento