Banca Etruria, azzerati ancora in aula nel processo per truffa. Ma molti hanno ritirato la denuncia

Tornano in aula i truffati di Banca Etruria. Va avanti il procedimento a carico di 37 tra funzionari e dirigenti accusati di truffa o istigazione alla truffa. Un processo che si sta piano piano "sgonfiando": sono circa 15 le persone che hanno...

tribunale-bancaetruria-udienza-risparmiatori-41

Tornano in aula i truffati di Banca Etruria. Va avanti il procedimento a carico di 37 tra funzionari e dirigenti accusati di truffa o istigazione alla truffa. Un processo che si sta piano piano "sgonfiando": sono circa 15 le persone che hanno ritirato la querela. Molti di loro hanno deciso di lasciarsi la drammatica vicenda alle spallo dopo aver ottenuto i rimborsi.

Oggi saranno di nuovo chiamati in aula a testimoniare i risparmiatori azzerati. Di fronte al giudice Angela Avila saranno chiamati a deporre numerosi testi. che ricostruiranno come e perché avevano deciso di investire in titoli subordinati, raccontando anche quali dinamiche si erano innescate tra i dirigenti delle filiali e i clienti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la tesi della procura - ricostruita in aula anche dal comandante della polizia tributaria Abruzzese in una delle prime udienze - la cabina di regia vedeva i funzionari impartire direttive ai dirigenti delle filiali i quali le mettevano in pratica.

Un sistema che sarebbe stato ben strutturato, tanto che ciascuna unità territoriale – sostiene la procura- aveva un budget da raggiungere e ogni direttore di filiale e dipendente sarebbe addirittura stato valutato sulla base della quantità di titoli venduti. Non solo, c’era anche un rovescio della medaglia: minacce di emarginazione professionale o trasferimenti erano riservati a quei dipendenti che sollevavano critiche o appunti sulla scorrettezza dell’operazione. Una situazione di alta, altissima tensione dimostrata, sempre secondo l’accusa, dal ritrovamento di un file condiviso online nella rete interna della banca, con la “graduatoria” aggiornatadei singoli dipendenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento