Assalto delle Poste, parte del bottino in fiamme nell'esplosione del bancomat. Salve le pensioni: come ritirarle

La maggior parte delle pensioni, sia in accredito sul conto corrente, sia "cartacee", è stata pagata sabato. Per chi ha ricevuto l'accredito sul conto corrente, è possibile recarsi in quasiasi ufficio postale per ritirarlo

Il boato nel cuore della notte, le fiamme e poi l'odore acre del fumo. I residenti di Pratantico ieri sera erano increduli di fronte all'assalto compiuto allo sportello delle Poste. Un colpo portato a termine in appena 4 minuti: è questo il tempo trascorso dallo scoppio del bancomat, avvenuto alle 23,47, alla fuga dei ladri, alle 23,51. 

La mano sembra essere quella di ladri professionisti, in grado di maneggiare sostanze esplosive, senza mandare in fumo il contenuto del bancomat, e di darsi alla fuga con un malloppo di migliaia di euro. Anche se parte delle banconote è rimasta incastrata nello sportello o danneggiata dalle fiamme e quindi i ladri hanno trafugato probabilmente meno di quanto previsto. 

Il video dell'assalto al bancomat

Le indagini

La Squadra Mobile della Polizia di Stato, diretta da Pietro Luca Penta, sta indagando con grande scrupolo sulla vicenda. Questa mattina sul posto sono arrivati anche gli agenti della Scientifica per portare a termine tutti i rilievi, alla ricerca di tracce che possano condurre ai malviventi.

Adesso le indagini sono in un momento delicatissimo: sono infatti in corso la raccolta delle testimonianze e l'acquisizione dei filmati delle telecamere di sorveglianza. Sarebbero almeno due le persone che hanno notato particolari che potrebbero essere utili alle indagini: residenti che si sono affacciati e hanno visto cosa è accaduto subito dopo lo scoppio.

In particolare, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, sarebbero stati almeno tre i componenti della banda. Audaci ed esperti, si sono mossi da professionisti sia nel far saltare il bancomat sia nella fuga. Hanno infatti utilizzato due autovetture: una bianca e una scura che dopo il colpo si sono dileguate in due direzioni opposte.

L'accredito delle pensioni

Il bancomat preso di mira era stato ricaricato venerdì. Da quel momento a domenica sera però i prelievi sono stati molti: complice anche il pagamento delle pensioni avvenuto sabato scorso. Sono per questo in corso i conteggi per capire a quanto possa ammontare il bottino: si parlerebbe comunque di decine di migliaia di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di fatto, la maggior parte delle pensioni, sia in accredito sul conto corrente, sia "cartacee", è stata pagata sabato. Solo una pensione pare sia ancora in attesa di pagamento. Per chi ha ricevuto l'accredito sul conto corrente, è possibile recarsi in quasiasi ufficio postale per ritirarlo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento