Asilo devastato dai vandali: le denunce salgono a sette. Altri 3 giovanissimi incastrati dalle telecamere, hanno tra i 12 e i 13 anni

Altri tre ragazzi, tutti tra i 12 e 13 anni, sono stati denunciati perché responsabili degli atti vandalici avvenuti nella sera di Pasqua all'interno dell'asilo nido di Camucia. A darne comunicazione sono stati i carabinieri della compagnia di...

scuola-camucia

Altri tre ragazzi, tutti tra i 12 e 13 anni, sono stati denunciati perché responsabili degli atti vandalici avvenuti nella sera di Pasqua all'interno dell'asilo nido di Camucia.

A darne comunicazione sono stati i carabinieri della compagnia di Cortona che, proprio nelle ultime ore, hanno proceduto a denunciare in stato di libertà per i reati di danneggiamento aggravato e di interruzione di pubblico servizio, altri tre ragazzi.

Il gruppetto, che si aggiunge ai quattro già individuati nelle scorse settimane, si sarebbe reso responsabile degli atti vandalici avvenuti all’interno della scuola per l’infanzia “D. Bernabei” di Camucia.

Ad incastrare i ragazzi sarebbero state le immagini delle telecamere di videosorveglianza che si trovano installate nella zona e che hanno immortalato la fuga del branco dall'edificio.

"Anche in questo caso - spiegano i carabinieri di Cortona - sono tutti minori di anni 14: i denunciati sono infatti classe 2006 e 2007. I tre ragazzini, trattandosi di minori non imputabili, verranno gestiti, come gli altri, dall’autorità giudiziaria preposta, ovvero il tribunale dei minori di Firenze".

Come noto, lo scorso 2 aprile, alcuni ignoti si erano introdotti all'interno dell'istituto scolastico riuscendo ad accedere dalla porta della mensa che, presumibilmente, era stata lasciata aperta visto che sull'infisso non sono stati trovati segni di effrazione. Una volta all'interno hanno dato libero sfogo alla propria incivile creatività.

Sono entrati in tutte le stanze del fabbricato. Nessun ambiente è stato risparmiato dalla furia devastatrice. Hanno distrutto le apparecchiature elettroniche, imbrattato i muri con salsa di pomodoro, attivato gli estintori e distrutto materiale didattico. Non paghi, hanno infranto le vetrate e rovinato alcuni mobili in legno.

Poco dopo alcuni residenti della zona, vedendo uscire dalle finestre dell'asilo nuvole di polvere bianca (presumibilmente prodotta dall'accensione degli estintori), hanno richiesto l'intervento delle forze dell'ordine che sono accorse sul luogo.

Subito dopo la scoperta, i carabinieri di Camucia coadiuvati dai colleghi del comando compagnia di Cortona e coordinati dal comandante Monica Dallari, hanno avviato le dovute indagini.

Sentite le prime testimonianze, i militari hanno accertato che, pochi minuti prima del loro arrivo, alla vista dei mezzi di servizio, alcuni ragazzi con i vestiti sporchi di pomodoro e con i capelli imbrattati da polvere bianca, si dileguavano dal plesso scolastico.

Della vicenda sono state informate anche le famiglie dei minorenni di cui due delle quali di origini tunisine.

Sono in corso ulteriori accertamenti tesi a verificare la responsabilità di altri giovani.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si è spento nella notte il piccolo Thomas Gorini di Stia

  • Cronaca

    Un po' di neve ad Arezzo, di più in provincia: fino a 30 centimetri sui valichi. Traffico ok

  • Cronaca

    Riaprono le scuole, mezzi antighiaccio sulle strade. Codice giallo fino a mezzanotte

  • Attualità

    I dintorni di Arezzo sotto una coltre bianca

I più letti della settimana

  • Le scuole del comune di Arezzo restano chiuse per l'allerta neve

  • "Correte il cuore del babbo non batte più". Ventenne salva la vita al padre

  • I meteorologi: "Alte possibilità di neve ad Arezzo", la mappa con i centimetri attesi. Il Comune: "Siamo pronti"

  • Nuova allerta meteo: codice giallo per neve e ghiaccio nell'Aretino

  • Allerta neve: l'elenco delle scuole chiuse in provincia. Treni e raccolta rifiuti: possibili disservizi

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento