Alcool e droghe, consumatori sempre più giovani e dediti a mix di sostanze. Al Serd seguite 1300 persone

Dalle siringhe dietro ai cespugli, allo spaccio che si consuma tra campo di Marte e il Pionta. Le dipendenze sono una nuova emergenza per Arezzo. I dati - e le cronache - parlano chiaro e illustrano una situazione in drammatica evoluzione che è...

Dalle siringhe dietro ai cespugli, allo spaccio che si consuma tra campo di Marte e il Pionta. Le dipendenze sono una nuova emergenza per Arezzo. I dati - e le cronache - parlano chiaro e illustrano una situazione in drammatica evoluzione che è stata illustrata in tutta la sua complessità nel convegno sulle dipendenze giovanili promosso dal Rotary Club aretino alla Borsa Merci.

"Oggi i giovani non consumano un solo tipo di droga, ma sostanze stupefacenti di diversi tipi e in maggiori quantità rispetto al passato", quasi una consuetudine, estremamente pericolosa. Proprio un mix di sostanze diverse avrebbe ad esempio portato alla morte della giovane ritrovata alcune settimane fa senza vita in una villa di Cesa.

STUPEFACENTI

In città seguiamo circa 1000 tossicodipendenti e 300 alcolisti - ha spiegato il direttore del Serd di Arezzo Marco Beccattini - Con droga e alcool si inizia quasi sempre nell’adolescenza per soffocare lo stato di angoscia tipico dell’età e per sentirsi all’altezza del gruppo.”

"Spesso anche negli ambulatori privati giungono adolescenti che chiedono aiuto per vari motivi - ha spiegato la psicoterapeuta Guendalina Rossi- I giovani riferiscono di bere e di utilizzare sostanze stupefacenti, ma non ne parlano come un problema.”

Una recente inchiesta di Arezzo Notizie ha evidenziato come tra i 170 nuovi casi dell'ultimo anno seguiti dal Sert, 24 riguardino ragazzi e ragazze al di sotto dei 19 anni e 36 quelli tra i 20 e i 29 anni. Sempre più frequentemente sono dipendenti da mix di sostanze: ai cannabinoidi, molti diffusi, si avvicinano ormai eroina e cocaina. Un fenomeno che riguarda anche i minorenni. Complice probabilmente l'abbassamento dei prezzi delle sostanze sul mercato.

ALCOOL

Circa la metà degli studenti toscani tra i 14 e i 19 anni hanno inoltre abusato di alcool nel corso dell'ultimo anno e circa un terzo di loro ha assunto almeno una sostanza stupefacente. Questi i dati che emergono da uno studio della regione Toscana (Studio Espid).

Il neurologo Giovanni Linoli ha spiegato che gli effetti neurotossici da alcool e droghe presentano spesso danni a organi diversi. “ Ad esempio la cocaina, oltre agli effetti sul sistema nervoso, può provocare infarto acuto del miocardio o alterazioni del ritmo cardiaco, causa di morte improvvisa in soggetti giovani. Per avere degli effetti negativi sul sistema nervoso, causati da sostanze stupefacenti, può bastare un’ assunzione del tutto occasionale.”

“Attraverso un particolare esame del cervello - ha spiegato Giulia Montelatici (medicina nucleare) - è possibile esaminare le immagini e comprendere i meccanismi di funzionamento delle droghe fino ai danni e alle alterazioni che provocano.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

  • Sfida "spaccatesta": genitori in allarme. Il violento gioco di moda sui social

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Le dieci regole d’oro contro il Coronavirus: il decalogo delle farmacie aretine

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento