Non solo Fisco

Non solo Fisco

Novità e scadenze per il 730. Pronti per le dichiarazioni dei redditi

La nuova puntata di #NonSoloFisco

 

I vantaggi del modello 730 rispetto al modello Redditi 

  • non deve eseguire calcoli e pertanto la compilazione risulta molto più semplice poiché è il CAF stesso che controlla i dati, elabora la dichiarazione ed effettua i calcoli;

  • non deve trasmettere il modello all’Agenzia delle entrate poiché è il Caf che provvede ad inviare il modello 730 all’Amministrazione finanziaria in via telematica;
    nel tracciato telematico sono presenti anche i dati del modello 730-4 (riepilogo degli importi da trattenere e da rimborsare a cura del sostituto d’imposta risultanti dalla dichiarazione) che l’Agenzia delle entrate comunicherà al datore di lavoro per le operazioni di conguaglio; se il sostituto d’imposta che deve effettuare il conguaglio è l’INPS, il Caf invia il modello 730-4 direttamente all’ente pensionistico tramite canali telematici riservati;

  • ottiene Il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga (a partire dal mese di luglio) o nella rata di pensione (a partire dal mese di agosto o settembre);

  • se risultano delle somme da versare, non deve recarsi in banca o posta per la presentazione della delega di versamento F24 in quanto l’imposta a debito viene trattenuta dalla retribuzione (a partire dal mese di luglio) o dalla pensione (a partire dal mese di agosto o settembre); può decidere di rateizzare il versamento delle somme dovute nel caso in cui ritenga necessario frazionare il debito in più mensilità.

Lo scadenzario del 730/2019

  • Dal 1aprile (31 marzo era domenica) scadenza consegna CUD da parte del datore di lavoro

  • Dal 15 aprile  modello 730 online;

  • Dal 2 maggio è possibile modificare ed integrare il 730 online;

  • L’8 luglio (7 luglio è domenica)  scade il termine per l’invio del 730 tramite il proprio datore di lavoro;

  • Il 23 luglio scade l’invio del 730 precompilato ed ordinario; 

Principali novità del 730/2019

  • Si tratta delle spese per gli abbonamenti per i mezzi pubblici, delle spese sostenute per la sistemazione di aree verdi private (giardini, recinzioni, impianti di irrigazione, etc), delle spese per l’acquisto di strumenti compensativi per i soggetti che soffrono di disturbi dell’apprendimento (DSA), dei premi di assicurazione che hanno ad oggetto il rischio di eventi calamitosi e i contributi in favore delle Onlus e delle Associazioni di promozione sociale.

Abbonamenti per i mezzi pubblici

  • La prima importante novità riguarda le spese relative agli abbonamenti ai mezzi pubblici come treni e autobus. La scorsa Legge di Bilancio ha introdotto una detrazione fiscale per chi acquista abbonamenti di autobus e treni del trasporto pubblico locale (TPL), regionale ed interregionale. La detrazione fiscale spetta per le spese sostenute sia per i familiari fiscalmente a carico sia per il contribuente stesso, per un importo complessivo non superiore a 250 euro e ammonta al 19 per cento delle spese effettivamente sostenute.

Bonus verde

  • Un’altra importante novità riguarda la proroga delle spese sostenute per la sistemazione di aree verdi private che danno luogo al cosiddetto “bonus verde”. La detrazione fiscale è legata agli immobili, ed in particolare, ad essere agevolati sono i lavori eseguiti su giardini, terrazzi e balconi. 

  • L’agevolazione fiscale infatti riguarda le spese sostenute per i giardini, per le recinzioni, per gli impianti di irrigazione, i pozzi, le terrazze, i balconi e le pertinenze varie ma sono esclusi gli interventi di manutenzione annuale per impianti esistenti e i lavori in economia su propri giardini.

  • Il beneficio spettante al contribuente è una detrazione IRPEF del 36% sulle spese sostenute da ripartire in 10 quote annuali di pari importo. L’agevolazione fiscale, concessa fino ad un limite massimo di spesa di 5.000 euro per ogni unità immobiliare, consente una detrazione che può arrivare fino ad un massimo di 1.800 euro in 10 anni.

Agevolazioni per l'acquisto di sussidi tecnici

  • Nel modello 730 di quest’anno trovano posto anche le spese sostenute per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici necessari all’apprendimento, nonché per l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere, per chi soffre di disturbi dell’apprendimento.

  • Le spese che possono beneficiare della detrazione fiscale sono quelle sostenute in favore dei minori o di maggiorenni con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado.

Premi assicurativi per eventi calamitosi

  • Tra le novità di rilievo nel modello 730/2019 c’è anche una detrazione fiscale spettante per i premi di assicurazione che hanno ad oggetto il rischio di eventi calamitosi per gli immobili ad uso abitativo. I premi relativi alle polizze assicurative che hanno ad oggetto il rischio di eventi sismici devono essere stipulati a partire dalla data del 1° gennaio 2018 e la detrazione fiscale ammonta al 19% delle spese sostenute (comma 1 f-bis art. 15 D.P.R. 917/86).

  • È prevista anche una detrazione fiscale per gli interventi condominiali sugli edifici che rientrano nelle zone sismiche 1,2 e 3 (zone ad alta pericolosità), finalizzati alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica. La detrazione fiscale aumenta in base alla riduzione di rischio.

Le erogazioni liberali 

  • Le erogazioni liberali fatte dal contribuente in favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale godono invece di una detrazione pari al 30%, che sale al 35% per quelle in favore delle organizzazioni di volontariato.

  • Infine, viene prevista la possibilità di dedurre le erogazioni liberali a favore delle Onlus e per quelle alle Associazioni di promozione sociale, dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore nel limite del 10% del reddito dichiarato.

Le novità sul visto di conformità

  • Modello 730, in caso di visto di conformità o asseverazione infedele niente imposte per commercialisti e CAF, restano solo le sanzioni. A stabilirlo l'articolo 7-bis inserito nella conversione in legge del DL numero 4 del 2019 su reddito di cittadinanza e pensioni

tiezzi - 730.001-2

Potrebbe Interessarti

  • Violenta grandinata: lucernari rotti e lunotti spaccati. Mele, pesche e cocomeri: massacro in campagna

  • Scivola, resta impigliata con la mano nella rete e si amputa un dito

  • Perde il controllo dell'auto e scivola giù nel torrente Castro: illeso l'autista

  • Schiaffi e minacce all'asilo nido. Bambini colpiti dalla maestra: le immagini shock

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento