My two cents

My two cents

Ragazza picchiata nel sottopasso: finalmente parole chiare contro la violenza sulle donne. O no?

Condanne unanimi, nette, senza stare a indagare troppo sul contesto. Un abuso è un abuso, non c’è giustificazione. Troppe ancora le vittime tacciate di “se l’è andata a cercare”. Bene, bravi, bis. Adesso politica e istituzioni denuncino, in modo tempestivo, inequivocabile e cristallino, ogni nuovo caso

Sperando di non fraintendere le motivazioni, con piacere si accoglie la svolta politico/istituzionale aretina che finalmente prende di petto una delle piaghe della provincia. La violenza di genere.

La violenza gratuita accaduta al sottopasso della stazione non è tollerabile. Bene le prese di posizione, bene la solidarietà espressa alla vittima. Ne ha scritto anche l’amministrazione e ci sono state pure prese di posizione nazionali. Condanne unanimi, nette, senza stare a indagare troppo sul contesto. Un abuso è un abuso, non c’è giustificazione. Troppe ancora le vittime tacciate di “se l’è andata a cercare”. Bene, bravi, bis.

Dicevo, è un'apprezzabile svolta: perché a memoria, nei soli ultimi 20 giorni in provincia ci sono stati almeno altri 4 casi di grave violenza sulle donne. Per i meno attenti: il padre che picchia la figlia 14enne, il figlio che stringe un laccio attorno al collo della madre, il ragazzo che pesta la ex fidanzata per gelosia o il caso della ragazza presa a schiaffi in un bar. E appena un mese fa, nella placida Arezzo, si è consumato un atroce femminicidio. Nel totale silenzio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bene: adesso politica e istituzioni denuncino, in modo tempestivo, inequivocabile e cristallino, ogni nuovo caso. Sarebbe un bel segnale. Anche per non offrire il fianco a quelli che, malignamente, scorgono una difesa strumentale della vittima per colpire il carnefice di comodo. D’altronde non esistono vittime di Serie A e vittime di Serie B.

My two cents

Nato nel 1983. Giornalista, di bufala adoro solo le mozzarelle. Vivo ad Arezzo, mi sento a casa anche al Trasimeno e in Maremma. Amo scrivere, ho la fortuna di farlo per mestiere dal 2002.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento