Motori

Motori

Emergenza Coronavirus e il ruolo dei benzinai

I benzinai stanno lottando insieme con le altre categorie a rischio della propria incolumità personale, presidiando fisicamente gli impianti e “rimanendo dove sono sempre stati e dove ogni cittadino di questo Paese è abituato a trovarli ogni giorno, vale a dire in mezzo alla strada", scrivono nella nota congiunta i sindacati

Emergenza Coronavirus, anche i benzinai fanno la loro parte. Sono fra gli esercizi commerciali che tutti diamo per porti sicuri. Sono un po' come 'il babbo e la mamma' per noi automobilisti. Sappiamo che loro ci sono sempre e finiamo per darli per scontati. Ma non è così.

I benzinai sono persone che nel corso di questa emergenza sanitaria terribile stanno facendo la loro parte al pari dei meccanici, degli elettrauto, dei gommisti, dei magazzini ricambi auto. Tutti pronti a fornire quel che serve a supporto di noi utenti della strada. Eppure in questi giorni sta salendo la polemica perché si sono sentiti messi da parte. Quasi dimenticati.

Il momento non è per loro dei migliori con il petrolio al ribasso e sotto fortissima pressione a livello internazionale: si registrano interventi correttivi da parte di Eni per -1 centesimo su benzina e diesel, Tamoil e Q8 per entrambe -2 centesimi su benzina e diesel. Tanto per dare un dato.

Il petrolio scende ancora. Sta circolando la notizia che gli impianti di rifornimento carburanti cominceranno a chiudere progressivamente da mercoledì notte a cominciare dalla rete autostradale, per poi estendersi progressivamente a tutti gli altri impianti anche lungo la viabilità ordinaria. Le tre principali sigle sindacali del comparto petrolifero Faib Confesercenti, Fegica Cisl, Figisc/Anisa Confcommercio hanno delineato la drammaticità della situazione italiana.

Nonostante tutto però gli impianti di distribuzione carburanti continuano a restare aperti. Almeno per ora, se pur senza alcun sostegno di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata. Help yourself direbbero gli inglesi. Ognuno faccia da sé e per quel che può.

I benzinai stanno lottando insieme con le altre categorie a rischio della propria incolumità personale, presidiando fisicamente gli impianti e “rimanendo dove sono sempre stati e dove ogni cittadino di questo Paese è abituato a trovarli ogni giorno, vale a dire in mezzo alla strada", scrivono nella nota congiunta i sindacati. Anche a loro va il nostro plauso e il nostro sostegno.
Questa è l’Italia che si vuole rialzare. Forza ragazzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Motori

Nato ad Arezzo nel 1972 è laureato in giurisprudenza, avvocato, funzionario pubblico. Da sempre grande appassionato di automobilismo e di automobili. Membro del ruolo dei Periti e degli Esperti della Camera di Commercio di Arezzo per autoveicoli ed autocarri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento