Lettori Selvaggi

Lettori Selvaggi

Nel cuore dei gabbiani il libro di Guido Baldassarri avventuroso e filosofico, i consigli per la lettura

#LettoriSelvaggi è una rubrica sui libri per i più piccoli curata da Elena Giacomin, libreria La casa sull’Albero.

Nel cuore dei gabbiani, Guido Baldassarri, Giunti

Alla Baia Sopita siamo nel pieno della tempesta, niente e nessuno resiste a tanta furia, c’è soltanto un piccolo puntino bianco che sfida pioggia e vento. E’ Larus, i pescatori lo chiamano “il gabbiano del Dio Nettuno” ed è suo padre che gli ha insegnato a volare anche nelle situazioni più avverse.

Questa è l’immagine che apre Nel cuore dei gabbiani, romanzo che segna il ritorno alla scrittura di Guido Baldassarri, maremmano di origine, bolognese di adozione, raffinato frequentatore della letteratura per ragazzi.

Era da tempo che desideravamo leggere un libro come questo, classico ed universale, avventuroso, filosofico, da suggerire a lettori di qualunque età.

La storia di un percorso di formazione e crescita segnato dalle grandi domande che ci accompagnano nella vita.

“Perché c’è il mare?”.

“Dove nasce il vento?”.

“Perché l’ombra è triste?”.

“Cosa succede ad una goccia di pioggia quando cade in mare?”.

Larus è desideroso di conoscere, si rivolge al babbo per trovare risposte, un babbo che è un punto di riferimento saggio e sicuro e che ha la qualità straordinaria di saper ascoltare, di occuparsi del suo cucciolo lasciandolo libero di esplorare e sperimentare in autonomia.

Il babbo insegna a Larus a riconoscere le costellazioni, a tuffarsi nell’acqua, lo mette al corrente di quali sono i patti fra gabbiani ed umani: “gli umani non uccidevano i gabbiani, e quando tiravano su la paranza piena di pesci ne regalavano un po’ anche a loro; in cambio i gabbiani, volando sul mare, avrebbero indicato ai pescatori le mangianze, i punti in cui i grandi banchi di pesci si ammassano”.

Il piccolo Larus è curioso, è attratto da laggiù, “dai confini del visibile sul filo dell’orizzonte, dove cielo e mare si fondono” e così un giorno decide di lasciare la sua scogliera sperimentando un sistema di vita e di valori totalmente diverso da quello che regna nel suo piccolo mondo dove si praticano le antiche tradizioni e vigono le regole dell’armonia.

Nel lungo e pericoloso viaggio che affronta entrerà in contatto con i gabbiani che vivono alla discarica, loro hanno scelto una via più facile per la sopravvivenza, pagata al caro prezzo di aver perso di vista la loro identità. In questi difficili momenti a Larus tornano in mente quelle strane parole che gli pronunciava il babbo “Non dimenticare mai di essere un gabbiano. Sei nato libero. Hai ali grandi per volare. Rispetta sempre la tua vera natura, anche quando sarà così difficile da sembrarti impossibile”.

Domenica, alle ore 17, Guido sarà nostro ospite in libreria ed avremo modo di entrare in questa storia guidati dalla sua voce. Ci saranno i nostri ragazzi del Circolo dei lettori, gli studenti della scuola “IV Novembre”, maestre, educatrici, insegnanti, gli amici della libreria, tutti coloro che ci aiuteranno a realizzare Una domenica da leggere, l’iniziativa che abbiamo pensato per dare il nostro contributo a #ioleggoperchè, il progetto in favore delle biblioteche scolastiche promosso dall’associazione italiana degli editori.

Apriremo la giornata alle ore 10.45 con una conferenza tenuta da Grazia Gotti dal titolo La Letteratura dall'alfabeto. Libri classici, libri strani, libri sperimentali. Per ritornare alla Letteratura, al suo valore conoscitivo e pedagogico, partendo dai grandi classici, italiani, europei, di tutto il mondo perché le biblioteche scolastiche si sostengono aumentando il patrimonio librario a disposizioni dei ragazzi e a noi adulti spetta il compito di leggere, studiare, riflettere.

Lettori Selvaggi

laureata in Lettere e filosofia, indirizzo Storia dell’arte, si occupa dal 2006 di progetti interculturali e di educazione alla cittadinanza rivolti a bambini e ragazzi in collaborazione con associazioni, scuole ed enti pubblici. Nel 2013, assieme ad Anna e Barbara, ha aperto ad Arezzo la libreria specializzata per bambini e ragazzi La Casa sull’albero, di cui coordina i progetti formativi e di promozione alla lettura

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento