Lettori Selvaggi

Lettori Selvaggi

Le filastrocche di Richard Scarry

Zigo Zago, il gatto Sandrino, Mamma Orsa e gli altri personaggi protagonisti delle sue storie sono stati e sono ancora oggi punti di riferimento  per i giovani lettori

Sono da primavera sugli scaffali sei nuove edizioni dei titoli più amati di Richard Scarry, autore popolarissimo ed amatissimo di cui ricorre quest'anno il centenario dalla nascita. 
Zigo Zago, il gatto Sandrino, Mamma Orsa e gli altri personaggi protagonisti delle sue storie sono stati e sono ancora oggi punti di riferimento  per i giovani lettori.
È un piacere sfogliare le storie di Scarry, un gesto che ci fa ritrovare sensazioni visive che hanno a che fare con la nostra infanzia.
In Ne ho vedute tante da raccontar, Grazia Gotti dedica il capitolo 15 al creatore di Busytown inserendolo nel canone letterario dei grandi autori che accompagnano nella crescita i bambini. Scopriamo qualche dato biografico su Scarry: studia Belle arti a Boston, presta servizio nell'esercito durante la seconda guerra mondiale come grafico e disegnatore di mappe. Al suo ritorno si trasferisce a New York dove inizia ad avere successo come illustratore e, con la collaborazione della moglie, concepisce una nuova forma di libri per bambini. Libri che informano, divertono, educano. "It's a precious thing to be communicating to children, helping them to discover the gift of language and thought. I'm happy to be doing it". 
I libri di Scarry aiutano ad imparare l'alfabeto, i numeri, i mestieri, i nomi delle città del mondo, le filastrocche. Il titolo che abbiamo scelto per l’articolo di questa settimana  è dedicato alle fiabe classiche. Rime e gli inconfondibili animali antropomorfi per raccontare Cappuccetto Rosso, I tre porcellini, i Musicanti di Brema, la Gallinella Rossa. 
"Che cosa porta addosso
questa piccola gattina
detta Cappuccetto Rosso? 
Una rossa mantellina". 
E ancora. 
"Un bel di tre porcellini
tutti e tre senza paura, 
han deciso, i birichini, 
di cercare l'avventura". 
Animal Nursery Tales il titolo originale del libro, pubblicato per la prima volta in Inghilterra da Random House nel 1975, un approccio ironico, fantasioso e divertente alla fiaba. Un libro che non sa di vecchio, tutt'altro. E questa è la qualità dei classici, il non invecchiare mai e il saper comunicare a generazioni diverse di lettori.

Lettori Selvaggi

laureata in Lettere e filosofia, indirizzo Storia dell’arte, si occupa dal 2006 di progetti interculturali e di educazione alla cittadinanza rivolti a bambini e ragazzi in collaborazione con associazioni, scuole ed enti pubblici. Nel 2013, assieme ad Anna e Barbara, ha aperto ad Arezzo la libreria specializzata per bambini e ragazzi La Casa sull’albero, di cui coordina i progetti formativi e di promozione alla lettura

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento