Appunti

Appunti

Le foibe e il senso del Giorno del Ricordo

Circa 3mila gli italiani persero la vita negli eccidi perpetrati tra il 1943 e il 1945 nei territori della Venezia Giulia e della Dalmazia

La legge numero 92 del 30 marzo 2004 riconosce il 10 febbraio, come riportato nell'articolo 1, Il Giorno del Ricordo "al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale".

Circa 3mila gli italiani persero la vita. Gli eccidi perpetrati tra il 1943 e il 1945 verso la popolazione italiana nei territori della Venezia Giulia e della Dalmazia furono seguiti da esodi, con l'emigrazione da quei territori prima occupati da Tito e poi annessi alla Jugoslavia. Pulizia etnica, odio, sradicamento dalle proprie origini e dalle terre sfociarono nell'infoibamento, drammatica pagina della storia del Novecento.

Il 10 febbraio 1947, a Parigi, furono firmati i Trattati di Pace con i quali furono assegnati i territori di Istria e parte della Venezia Giulia alla Jugoslavia.

Potrebbe interessarti

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Sigarette addio: trucchi e consigli per smettere di fumare

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Prima di partire per un lungo viaggio...non dimenticare queste 8 cose

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Ragazza di 25 anni si schianta contro il guard rail sul ponte della Meridiana

  • Schianto tra due auto, feriti due ventenni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento