Obesity day, un’occasione per cambiare stili di vita

Giovedì prossimo medici e operatori avranno una postazione nella hall del San Donato per parlare con i cittadini

La Asl Toscana Sud Est aderisce all’“Obesity Day”, campagna nazionale di sensibilizzazione per la prevenzione dell'obesità e del sovrappeso. 

Giovedì prossimo 10 ottobre, dalle 9 alle 13, nella hall dell'ospedale San Donato di Arezzo saranno presenti medici della Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione, dietisti dell' Unità Operativa di Dietetica Professionale e operatori della Promozione della salute. Agli interessati verranno illustrati i criteri di una corretta alimentazione, strumento di prevenzione per tutte le età; sarà fornito materiale divulgativo su obesità e patologie associate, sul trattamento dell’eccesso ponderale oltre a informazioni sui percorsi di counseling nutrizionale individuale e di gruppo.  

L'Obesity Day è una manifestazione promossa dalla Fondazione Adi (Associazione di Dietetica e Nutrizione Clinica Italiana) e il focus di quest'anno è proprio su 'peso e benessere'. La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari sono importanti determinanti della salute di una popolazione. L’eccesso di peso, dovuto a un’alimentazione ipercalorica e sbilanciata, favorisce l’insorgenza di numerose patologie e aggrava quelle già esistenti, riducendo la durata della vita e peggiorandone la qualità. 

Nella Sud Est, dai dati rilevati dal Sistema di Sorveglianza PASSI (Progressi delle Aziende sanitarie per la Salute in Italia) nel periodo 2015-2018, il 30% degli intervistati risulta in sovrappeso e l'8% obeso. Complessivamente quindi, quattro persone su dieci sono in eccesso ponderale. Questa condizione cresce al crescere dell’età, è più frequente negli uomini, tra le persone con più bassi livelli d’istruzione e tra quelle economicamente più svantaggiate.  

Lo scopo dell’iniziativa di giovedì è di informare su quanto può essere fatto per migliorare la qualità di vita, è una preziosa occasione per motivare al cambiamento delle abitudini dietetico-comportamentali e dare più spazio ai cibi sani e al movimento.

New Delhi, nessun nuovo caso nell'Aretino. Cinque pazienti portatori sani, ma zero contagi

Pronto soccorso. Ecco come sarà migliorata l'esperienza dei pazienti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento