Fermo un acceleratore per volta. Aggiornamenti alla radioterapia: ecco i tempi

Il direttore generale: “Aggiornamento per la Radioterapia di Arezzo e Valdarno. Fermiamo un acceleratore alla volta per limitare i disagi. L'interesse è, sempre, il miglioramento della qualità della prestazione”

Sono in corso, all’ospedale della Gruccia, i lavori di aggiornamento della Radioterapia che saranno seguiti, nei prossimi mesi, dall’aggiornamento degli altri due acceleratori presenti all’ospedale di Arezzo. Si tratta di interventi per circa 1 milione di euro e serviranno a rendere più performanti i macchinari, a garantire terapie più precise e anche più brevi. Questo significa che, al momento, i pazienti del Valdarno sono sottoposti a terapia ad Arezzo e nei prossimi mesi quelli di Arezzo saranno, in parte, seguiti in Valdarno. Forte l'attenzione dei presidenti della Conferenza zonale del Valdarno e di Arezzo.

Per ogni macchinario, il tempo necessario all’aggiornamento sono circa due mesi, in gran parte dedicati alla dosimetria dei fasci di radiazione a cura dei fisici sanitari.

“Qualche scomodo dovevamo metterlo in conto e ci scusiamo con i pazienti che sono costretti a spostarsi – ha spiegato Enrico Tucci, direttore del Dipartimento Oncologico della Sud Est - Per ognuno di loro abbiamo valutato la singola situazione e nessuno sarà lasciato indietro. Lo sappiamo che i tempi si possono un po’ allungare, considerando che tutti i pazienti fanno adesso riferimento ad Arezzo,  ma ai casi più urgenti, che necessitino di terapie in tempi brevi, sarà data la possibilità di recarsi a Siena o a Firenze. Per gli altri, saranno comunque rispettati i tempi previsti dalle linee guida scientifiche”.


“Si tratta di uno step necessario e abbiamo deciso di ‘fermare’ un acceleratore alla volta per limitare il più possibile i disagi che comunque ci saranno – ha continuato il direttore generale Antonio D’Urso – I lavori di aggiornamento in Valdarno sono iniziati due settimane fa e termineranno a gennaio. A gennaio fermeremo uno dei due acceleratori di Arezzo e poi a marzo fermeremo l’altro. Dal mese di maggio, i tre acceleratori saranno tutti funzionanti e avremo una Radioterapia di eccellenza, che potrà eseguire tutte le tecniche in uso allo stato dell'arte”.

“I cittadini del Valdarno hanno dovuto tollerare in questa fase un disagio importante, considerato anche il tipo di pazienti, ma capiamo tutti che si è trattato di un ammodernamento tecnologico necessario. In ogni caso ho voluto sollecitare personalmente l’Azienda, insieme al Calcit per essere certo, come in effetti è stato, che i tempi non si dilungassero e l’acceleratore dell’Ospedaale della Gruccia tornasse ad operare quanto prima a pieno regime. Ringrazio il dott. D'Urso per aver rispettato l'impegno preso” ha affermato il Presidente Sergio Chienni.

Ha aggiunto l'Assessore Lucia Tanti

“L'innovazione tecnologica ed il miglioramento delle terapie è anche il nostro obiettivo. Rimane il fatto che, come garanti della salute dei cittadini, l'Amministrazione di Arezzo vigilerà, perché anche in questi prossimi mesi, i pazienti oncologici siano seguiti nel migliore dei modi e che i tempi legati alle azioni necessarie siano ridotti al minimo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

  • 4 Ristoranti ad Arezzo: ci siamo. Arriva Alessandro Borghese

  • Allagamenti ad Arezzo: strade chiuse e piante crollate

  • Quanto dura il maltempo? Le previsioni meteo ad Arezzo per il weekend

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento