Mediatori in 6 lingue per spiegare il coronavirus agli stranieri. Attivo il servizio Asl

Informazioni chiare e corrette sono necessarie per aumentare la sicurezza di tutti

Nono sono poche le comunità straniere residenti nel territorio aretino. Le istituzioni hanno bisogno di comunicare con loro tutte le informazioni utili, così come le loro stesse famiglie hanno necessità di chiedere spiegazioni, accedere ai servizi, avere chiarimenti dai medici.

Una comunicazione a doppio senso che ha necessità di trovare una strada. La Asl ha messo in campo numeri di telefono a cui rispondono alcuni mediatori, i quali possono aiutare i cittadini stranieri residenti nel territorio della Sud Est a reperire le informazioni sul coronavirus.  

Il servizio, voluto e organizzato dalla Asl, si rende necessario perché a volte gli stranieri non riescono a comunicare con il loro medico di famiglia o con l’azienda per motivi linguistici. E’ invece importante, in questo momento storico, che le informazioni sul coronavirus siano chiare a tutti. Entrano quindi in gioco i mediatori che potranno fare da “filtro” tra il cittadino straniero e il suo medico. 

Il servizio è attivo da oggi, dal lunedì al sabato in orario 14 - 16. 

Ecco i numeri da chiamare:

Lingua inglese: tel 389 0917542

Lingua francese: tel 327 1973237

Lingua bengalese: tel 380 2183601

Lingua urdu: tel 389 0917542

Lingua hindi: tel 389 0917542

Lingua araba: tel 327 1973237

Nel sito della Asl è stato anche condiviso materiale specifico che ha video esplicativi in molte lingue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

  • Coronavirus, Ghinelli: "Oggi era atteso il picco dei contagi, invece siamo a zero". Stop ai droni per i controlli

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento