In distribuzione le prime 5mila mascherine. Il sindaco Chiassai: "Da oggi le consegne"

Dispositivi di protezione soprattutto agli operatori sanitari, alla Protezione civile e alle forze dell’ordine, all’Auser e ai cittadini

In distribuzione a Montevarchi le prime 5.000 mascherine prodotte anche da aziende locali a cui è andato il ringraziamento del sindaco Silvia Chiassai.

"La catena della solidarietà sta crescendo ogni giorno con numeri significativi – ha detto il primo cittadino – Abbiamo oggi a disposizione più di 5.000 mascherine, 2.000 donate da Prada Spa che ringrazio perché questa importante azienda ne sta producendo per tutta la Toscana, ma ha voluto darne una parte al Comune di Montevarchi, altre 2.500 sono state donate dalla Prefettura di Arezzo e ringrazio la dottoressa Anna Palombi, per l’aiuto concreto dimostrato al territorio, mentre più di 1.000 mascherine al giorno vengono prodotte dal Tomaificio Mantegari, dal Calzaturificio Sicla, dalla G.A. Service, e non solo. Da ormai dieci giorni stanno lavorando instancabilmente per la comunità per garantire i dispositivi di protezione soprattutto agli operatori sanitari, alla Protezione civile e alle forze dell’ordine, all’Auser e da oggi abbiamo cominciato a distribuirle anche alla cittadinanza, tramite un “porta a porta” con l’ausilio dei volontari e della Protezione Civile, e tramite distribuzione presso le farmacie".

La consegna sarà portata avanti solo nel rispetto delle distanze di almeno un metro. Nel centro storico, Pestello e Ginestra la distribuzione inizierà già da oggi pomeriggio tramite consegna a domicilio grazie ai volontari. Nei quartieri Peep, Giglio e La Gruccia consegne da domeni tramite consegna a domicilio grazie ai  volontari. La farmacia comunale 1 effettuerà consegne dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 20. Non più di una persona per nucleo familiare, possibilmente anche ritirando le mascherine per più famiglie munito di tessera sanitaria.

La farmacia Galeffi partirà con la distribuzione da questo pomeriggio dalle 16 alle 20 e da domani con orario 9-13 e 16-20. Per le frazioni di Moncioni, Rendola, Ricasoli, Ventena e Caposelvi consegna a domicilio grazie ai volontari. A Mercatale distribuzione tramite la Farmacia Salvini. A Levane consegna avviene presso il CUP dalle 11-13 e dalle 16-19, tramite volontari. Non più di una persona per nucleo familiare, possibilmente anche ritirando le mascherine per più famiglie munito di tessera sanitaria. La consegna avverrà anche tramite la Farmacia Zampi. A Levanella presso la parafarmacia del quartiere. La raccomandazione è di rispettare le distanze di sicurezza, perché le mascherine saranno a disposizione di tutti, ogni giorno ci sarà una produzione quotidiana di circa 1500 pezzi.

"Dobbiamo sfruttare questa opportunità con serietà e grande senso di responsabilità - ha aggiunto il sindaco - Ringrazio particolarmente anche i ragazzi della Curva Sud che si sono messi subito a disposizione come volontari per dare una mano nella distribuzione. La solidarietà va avanti anche dal punto di vista della cifra raggiunta dal Fondo Emergenza Coronavirus, promosso dalla Curva Sud, in collaborazione con il Comune di Montevarchi, Società Aquila Calcio, Avis Montevarchi e Associazione Memoria Rossoblu. Il fondo oggi, ha superato 48mila euro confermando quanto la cittadinanza e le imprese siano vicine al nostro ospedale e al territorio. Un risultato straordinario tra produzione di mascherine e fondo che deve renderci tutti molto orgogliosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento