Come smettere di giocare alle slot machine

Duee incontri di sensibilizzazione organizzati dal SerD di Arezzo (Dipartimento delle Dipendenze - Asl Toscana Sud Est) in collaborazione con “Mirimettoingioco”, l’associazione di volontariato di ex-giocatori e loro familiari

Perché si gioca d’azzardo? Perché le persone continuano a giocare nonostante i danni psicologici, i conflitti familiari e i problemi economici causati dall’azzardo? Come si sviluppa la dipendenza da gioco? Come se ne può uscire? Cosa può fare la famiglia per aiutare il giocatore?

Queste sono alcune delle domande su cui si rifletterà nei due incontri di sensibilizzazione organizzati dal SerD di Arezzo (Dipartimento delle Dipendenze - Asl Toscana Sud Est) in collaborazione con “Mirimettoingioco”, l’associazione di volontariato di ex-giocatori e loro familiari. Gli incontri sono aperti alla popolazione.

Il primo si terrà sabato 18 gennaio dalle 10 alle 12 al SerD (via Fonte Veneziana 17) e prevede gli interventi dello psicologo, dell’educatore professionale e del medico dell'èquipe per il gioco d'azzardo patologico. Il secondo è invece in programma giovedì 6 febbraio dalle 21 alle 22,30 alla sede di “Mirimettoingioco” (via Alfieri 49, Arezzo) con le testimonianze di giocatori e familiari.

Per rispondere alle domande di aiuto dei giocatori e dei loro familiari, il Dipartimento delle Dipendenze ha aperto ambulatori nei SerD delle tre province. Nel 2019, in provincia di Arezzo, sono state 250 le persone in trattamento per il disturbo da gioco d’azzardo.

In particolare nell’Aretino si è sviluppato un sistema di intervento integrato che vede i cinque Serd collaborare con la rete territoriale provinciale (il GdL GAND) che coinvolge il Dipartimento Dipendenze, il Comune di Arezzo, la Prefettura, le forze dell’ordine, l’Ufficio Scolastico Provinciale, i medici di Medicina Generale, la Caritas diocesana, la Misericordia, Anteas, Arci, Mirimettoingioco, SlotMob e le categorie economiche (Confcommercio e Confesercenti).

L’ambulatorio del SerD di Arezzo si trova all’ospedale San Donato e, secondo le disposizioni regionali, offre trattamenti multiprofessionali gratuiti a cui si può accedere direttamente telefonando al numero 0575-255943.

L'aumento dei luoghi e dell'offerta di gioco (in particolare quello on line), la progressiva differenziazione nella tipologia dei giochi che intercettano fasce diverse di popolazione, la pubblicità che veicola messaggi illusori e la stessa crisi economica: sono tutti fattori che hanno portato negli ultimi 15 anni ad un aumento della spesa in azzardo in Italia e alla trasformazione del gioco d'azzardo in “comportamento di massa”. Si stima che circa l’80% della popolazione italiana giochi almeno una volta all'anno ad uno dei giochi leciti disponibili nel mercato (gratta-e-vinci, slotmachine, lotto, superenalotto, scommesse sportive, ecc.)

Se per la maggior parte della popolazione il gioco è un divertimento, per circa l’1-3% della popolazione diventa invece una vera e propria malattia: il disturbo da gioco d’azzardo. La dipendenza da gioco crea danni psicologici, familiari, relazionali e socio-economici che si traducono in elevato rischio suicidario per il giocatore, forte indebitamento e conseguente impoverimento della famiglia, rischio elevato di perdita del posto di lavoro, ricorso all’usura e illeciti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Sfida "spaccatesta": genitori in allarme. Il violento gioco di moda sui social

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

  • Le dieci regole d’oro contro il Coronavirus: il decalogo delle farmacie aretine

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento