Alla ricerca del soldato canadese: "Trovati due nomi, entrambi però sono scomparsi". E lo zaino sarà spedito alla famiglia

Non si fermano le ricerche del giovane di Subbiano che ha acquistato uno zaino e poi ha scoperto che apparteneva ad un soldato canadese giunto in Italia durante la seconda guerra mondiale

Il cerchio si sta stringendo e presto la famiglia del soldato canadese potrebbe essere individuata. Sono due infatti i nomi militari del Quebec rintracciati negli elenchi ufficiali.

"Entrambi sono scomparsi - spiega Lorenzo Campus, lo studente di Subbiano che ha ritrovato uno zaino risalente alla seconda guerra mondiale e che sta svolgendo ricerche per far riavere il cimelio ai parenti del soldato -, uno nel 1993, quando ancora non ero nato. L'altro nel 2008. Il primo si chiama P.E. St. Laurent, il secondo Paul Emile St. Laurent, nati a 4 anni di distanza l'uno dall'altro, nello stesso Stato".

Adesso il giovane collezionista, appassionato di storia, sta conducendo altre ricerche per cercare di contattare entrambe le famiglie e svelare così il mistero.

Così è iniziata la ricerca di Lorenzo

"In Canada conservano ogni cosa dei parenti che hanno partecipato alla guerra. Ogni ricordo per loro è da custodire. Penso che parlandoci saranno in grado di raccontarmi se i loro avi erano stati inviati in Italia proprio in quel periodo e in quella zona. Siamo vicini alla soluzione di questa vicenda. E spero di poter far riavere alla famiglia del soldato questo ricordo".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quanto approfondito fino ad oggi, cercando tra archivi, biblioteche, cimiteri e sui social sembra chiaro che il proprietario dello zaino fosse un soldato semplice che faceva parte del reparto anti aereo 2 Laa Regiment Royal Canadian Artillery. Rimase in Italia dal 14 giugno 1943 al 9 marzo 1945. Si tratta di uno dei tanti arrivati nel nostro Paese. Un soldato che sopravvisse alla guerra e tornò in patria. Tra le braccia dei suoi cari. I quali, oggi, potrebbero ritrovare parte della sua memoria grazie al gesto di questo giovane aretino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento