Scendono dall'autobus e vengono travolti dalle bici. Il caso tra via Crispi e via Roma

Per evitare problemi di questo tipo la fermata era stata soppressa

Portici di Via Roma

Scendono dall'autobus e vengono travolti dalle biciclette in transito.
Questo quanto accaduto più volte ad Arezzo, per la precisione nella direttrice tra via Crispi e via Roma dove è presente la continuazione della pista ciclopedonale promiscua che parte all'inizio di via Crispi.
Uno spazio riservato dunque sia agli utenti della mobilità dolce che ai pedoni anche se mancano cartelli specifici, sia verticali che a terra.

Le segnalazioni, di persone che sono arrivate alla fermata scelta, sono scese dall'autobus e poi sono state investite da ciclisti che passano a gran velocità nel tratto del marciapiede dei Portici, sono state numerose

Della problematica sono state informate le autorità, con lettere spedite dai rappresentanti sindacali di categoria di Cgil Cisl e Uil, al questore di Arezzo, al comandante dei carabinieri, al comune di Arezzo e alla polizia locale. 

Nella missiva, datata gennaio, oltre a raccontare questi casi, i rappresentanti sindacali chiedono delucidazioni su come sia considerato quel tratto di marciapiede tra l'incrocio di Corso Italia e quello di via Madonna del Parto.

La risposta delle autorità è arrivata recentemente e recita così:

"Trattatsi di pista ciclopedonale promiscua, come da cartelli stradali presenti."

Ebbene in realtà cartelli specifici in quel tratto di strada non ci sono e questo provoca incertezze sia nei pedoni che nei ciclisti.

Proprio per evitare problemi di questo tipo la fermata degli autobus all'inizio di via Crispi era stata soppressa, mentre invece il problema continua sotto i Portici. 

Almeno i segnali potrebbero essere messi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Certo, grossi rischi per incidenti bc e pedoni . Morti? Intervenuto il Pegaso? Ma per piacere.....poi, che il marciapiede promiscuo sia una emerita cavolata siamo tutti d'accordo.

  • bastava fare una vera ciclabile invece che un marciapiede con metà aiuole e l'altro pieno di rientranze da inciampo. non contenti, si son fatte male anche via guido monaco e via petrarca, i prossimi casini li aspettiamo al baldaccio e in via fiorentina, dove sicuramente verrà fuori qualche altro disastro che crei problemi sia ai pedoni che ai ciclisti, ma sempre garantendo agli automobilisti di poter parcheggiare impuniti sia sui marciapiede che sulle ciclabili.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita da un terrazzamento mentre guida il trattore e muore, dramma nelle campagne aretine

  • Cronaca

    Incubo meningococco, un nuovo caso di tipo C in Valdarno: 57enne ricoverato

  • Cronaca

    Arrestato in centro con 13 dosi di eroina in bocca. In casa via vai di studenti aretini

  • Cronaca

    Scende dal furgone per consegnare un pacco: al ritorno finestrino spaccato e borsetto scomparso

I più letti della settimana

  • Tragedia in provincia di Arezzo: muore in casa a 21 anni

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

  • Frontale all'alba al Torrino: tre feriti, grave una ragazza di 26 anni

  • Striscia, gaffe a Cortona: "Si vede il lago di Bracciano" ma è il Trasimeno. Rivolta social: "Tapiro a Staffelli"

  • Paese sconvolto per la morte di Sofia Panconi, continua la profilassi

  • Rincorrono la palla e precipitano in un pozzo: bimbi salvati dalla sorella. Sgomento del padre: "Franata la copertura"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento