La Regina d'Inghilterra premia la Tratos: per la prima volta a un'azienda italiana il prestigioso riconoscimento per l'innovazione

Tratos è stata selezionata da Buckingham Palace tra decine di realtà per la produzione del cavo speciale ad altissima tecnologia denominato "jba"

Albano e Maurizio Bragagni con Theresa May

Il massimo riconosciumento per l'innovazione conferito dalla Regina d'Inghileterra quest'anno se lo è aggiudicato un'azienda dal cuore aretino. E' la prima volta nella storia che il tale premio viene consegnato ad una azienda italiana: si tratta della Tratos, azienda leader del settore dei cavi ad altissima tecnologia, che ha radici a Pieve Santo Stefano, fabbriche a Liverpool e in Sicilia e uffici in tutto il mondo.  Viene considerata una "multinazionale familiare" e ha un fatturato europeo di circa 150 milioni di euro.

Tratos è stata selezionata da Buckingham Palace tra decine di realtà per la produzione del cavo speciale ad altissima tecnologia denominato "jba": un acronimo di Jasmine Bragagni Albano.  Tale cavo è stato progettato per il mercato dell'Oil and Gas ed è dotato di particolarissime specifiche tecniche.

"Completamente progettato in Italia - scrive l'agenzia AdnKronos - , il cavo ha una straordinaria resistenza al fango, al fuoco e a temperature estreme, e porta il nome del presidente dell'azienda, Albano Bragagni, inventore del lszh (low smoke zero halogen) extra compound."

Albano-Bragagni-tratos-open-day-DSC_4326-2A consegnare il premio sarà proprio Elisabetta II, nel solenne scenario Buckingham Palace. Il riconoscimento riguarda tutte le ricerche che in questi anni l'azienda dal cuore aretino - che dà lavoro a  persone - ha portato avanti e per tutte le importanti innovazioni introdotte nel mercato. Come ad esempio l'ideazione e la produzione del più piccolo microcavo al mondo per la connettività in banda larga, capace di resistere alle condizioni atmosferiche e climatiche più estreme.

"In Tratos - spiega Maurizio Bragagni ad Adn Kronos,  vantando alla propria azienda l'aver apportato innovazione ad un sistema tradizionale come quello dei cavi - il nostro 'vangelo' si chiama innovazione Grazie all'innovazione abbiamo costruito il super conduttore per 'fusion for energy', il più grande al mondo, che tenta di riprodurre quello che succede nel Sole: ottenere energia pulita attraverso la fusione". "Poi - ricorda - abbiamo innovato il settore dei cavi destinati ai porti. Produciamo in Italia e in Inghilterra ed esportiamo in tutti i Paesi del mondo. Questo riconoscimento riveste grande valore per noi e per il sistema-Paese dell'Italia e del Regno Unito, le realtà in cui siamo orgogliosi di vivere, lavorare e produrre. Perché a casa nostra 'impossibile' è semplicemente qualcosa che non è ancora possibile, ma lo sarà".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Immagini filonaziste e antisemite nelle chat di 12enni aretini, il provveditore: "I genitori si preoccupino dei loro figli"

  • Video

    La quiete dopo il blitz. "Al Pionta non servono eventi spot", il sindaco: "Adesso lotta al degrado sociale"

  • Calcio

    Viterbese-Arezzo, le probabili formazioni. In mille al seguito del Cavallino

  • Video

    Sei milioni per la caserma dei vigili in via Filzi: chiesto il parere alle Corte dei Conti

I più letti della settimana

  • Fuori strada dopo le nozze, coppia di sposi al pronto soccorso

  • L'Arezzo va avanti: pari con il Novara (2-2). Il sogno continua

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Gli preleva 8 euro al giorno di nascosto per mesi e gli prosciuga la carta. Aretino truffato

  • Croce in spalla macina chilometri: l'ex carcerato che salva i giovani di strada

  • Auto fuori strada, 21enne in codice rosso a Careggi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento