Tossicodipendenza: crescono i giovani assuntori. Becattini: "La prima dose? Anche a 11 anni"

La prima dose a 11 o 12 anni. E talvolta invece il primo incontro con le sostanze stupefacenti avviene in età matura, in seguito a forti ed importanti traumi personali. Non esiste un identikit univoco del "tossicodipendente". Non c'è una...

DROGA, FERRERO:NON HO PRECONCETTI VERSO LE 'STANZE DEL BUCO'

La prima dose a 11 o 12 anni. E talvolta invece il primo incontro con le sostanze stupefacenti avviene in età matura, in seguito a forti ed importanti traumi personali.

Non esiste un identikit univoco del "tossicodipendente". Non c'è una ricorrenza di nazionalità, età, sesso o condizione sociale.

"Potenzialmente - spiega il direttore del Sert di Arezzo, Marco Becattini - ciascuno di noi è a rischio. Ed è proprio per questo che occorre insistere su attività di prevenzione ed informazione".

Soltanto nello scorso anno, sono stati 1.021 coloro che si sono presentati agli ambulatori di via Fonte Veneziana per richiedere il supporto di medici e psicologi per riuscire a liberarsi dalla dipendenza di sostanze stupefacenti. A questi vanno aggiunti i circa 300 che hanno dichiarato di avere problemi con l'abuso di alcolici e 250 con il gioco d'azzardo.

Per quello che invece concerne il 2018 sono 700 le cartelle ad oggi aperte dal Sert per altrettanti pazienti con dipendenze.

"Da evidenziare - spiega ancora Becattini - che sono aumentati gli under 19 e gli under 25. La diffusione di droghe tra i giovanissimi è in continua ascesa e ci porta a riflettere non solo sugli aspetti legati alle fragilità emotive di ciascun individuo ma anche al sistema educativo e relazionale".

I fattori che contribuiscono all'abuso di sostanze stupefacenti sono innumerevoli. Non solo l'ambiente sociale in cui un adolescente, o preadolescente cresce, ma anche gli stress quotidiani, i continui stimoli forniti dal confronto con gli altri e con la propria famiglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' per tanto doveroso - prosegue Becattini - che i genitori prestino particolare attenzione ai mutamenti che possono riscontrare nei propri figli in modo da intervenire in maniera puntuale e richiedere il supporto di professionisti. Differente è invece il percorso che sceglie un adulto. Solitamente la richiesta di soccorso e l'intento di disintossicarsi arriva in seguito a gravi deterioramenti della propria condizione economica. L'impoverimento è uno dei fattori che spingono a richiedere aiuto. E per arrivare a questa presa di coscienza, in una persona adulta, ci vogliono anni. Non vi si arriva in maniera immediata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento