Supermensa, il comitato chiama in causa Ghinelli: "Metta la sua professionalità al servizio dei bambini"

Intanto la raccolta firme è arrivata a quota 1.500 e sta continuando.

"A questo punto chiediamo l'intervento del sindaco, che è il vero responsbaile della salute pubblica, glielo chiediamo come ingegnere, come colui che quel progetto in mano lo ha già avuto ai tempi del suo assessorato, ma che non realizzò." Sarà Buti del comitato Giù le mani dalle mense chiede che il primo cittadino di Arezzo si esprima sul progetto della supermensa.  "Visto il suo curriculum, chiediamo che metta la sua professionalità al servizio della salute dei bambini."

Nonostante le dichiarazioni dell'assessore Lucia Tanti la protesta non cessa, i genitori del comitato continuano ad organizzare eventi e iniziative, da quelle goliardiche come la calza della Befana a quelle più serie come la raccolta fondi che ha raggiunto per adesso quota 1.500 persone aderenti.

"Questo è solo un primo dato, la campagna di raccolta firme continua e poi tireremo le somme. E' evidente che non siamo in 150 come è stato detto, ma almeno dieci volte tanto. E poi dalla nostra parte siamo convinti di avere contenuti importanti, gli stessi che in giro per l'Italia smuovono ogni anno migliaia di famiglie a riunirsi e ad interessarsi di cosa succede nelle mense dove mangiano i loro figli."

Tanti i contatti che sono scaturiti da questa forma di cittadinanza attiva:

"Sì, abbiamo conosciuto e ci siamo scambiati esperienze e consigli con i gruppi che si sono cocstituiti e portano avanti battaglie per le mense scolastiche a Genova, a Bologna, a Mestre dove pare siano riusciti a bloccare una mega mensa da 10mila pasti che addirittura cucinava in derteminati giorni, poi congelava e ritirava fuori le pietanze nei giorni in cui servivano. A Torino poi  dove sono riusciti a far ritirare un terzo dell'utenza dalla mensa scolstica e ad avere diritto al pasto portato da casa."

Intanto il comitato per le mense di Arezzo è entrato a far parte della Rete Commissioni Mensa nazionale, come hanno annunciato con questo post:

E lo stesso Foodinsider.it portale famoso per la valutazione a punti dei menù delle mense scolastiche ha posto la sua attenzione sulla vicenda di Arezzo.

"Stanno seguendo l'evoluzione di quello che accade ad Arezzo. Ci stanno fornendo un supporto importante - conferma Sara Buti - dal punto di vista legale, ma anche di documenti e leggi esistenti.

Intanto il comitato ha ricevuto l'invito dell'assessore Tanti per l'incontro del 31 gennaio.

"Questo non può essere certo chiamato processo partecipato, fatto di telefonate e di strani modi di raccogliere le proposte, non esiste un calendario ed essere convocati tutti a orari diversi  non ci sembra sia un tavolo di confronto. E' difficile da accettare questo meccanismo, ma saremo assolutamente presenti per il rispetto delle istituzioni anche se non condividiamo il percorso fatto."

Potrebbe interessarti

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie

  • Formiche, i rimedi naturali e non per allontanarle

  • Zanzare, il Comune di Arezzo disinfesta: le precauzioni

  • Punti nascita: la neonatologia di Arezzo al top

I più letti della settimana

  • Trovato morto in un dirupo senza vestiti

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Si ribaltano con l'auto: incidente lungo le strade dell'Aretino. Giovane incastrata tra le lamiere

  • Giostra, Porta del Foro torna a ruggire: dopo 12 anni porta a casa la lancia

  • È Giostra, alle 21,15 la decisione. Sopralluogo del quartieri sulla lizza - LIVE

  • Cene propiziatorie, la grande festa. Zuffa a Sant'Andrea. Guerra agli alcolici: locali sanzionati - LE FOTO

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento