Maurizio Spagnesi a capo del Dipartimento di Prevenzione della Asl Toscana sud est

Cambio della guardia al vertice del Dipartimento di Prevenzione della Asl Toscana sud est: da alcuni giorno Maurizio Spagnesi è il nuovo direttore del Dipartimento aziendale. Già direttore della UOC Igiene Alimenti e Nutrizione – Sorveglianza Nutrizionale, e responsabile dell’Area Funzionale Dipartimentale di Igiene Pubblica e Nutrizione, Spagnesi ha una lunga carriera nell’ambito della prevenzione.

Maremmano, nato a Follonica, Spagnesi si è laureato con lode in Medicina e Chirurgia a Pisa, specializzandosi successivamente in Igiene e Medicina Preventiva. Ha conseguito poi l’attestato di Formazione manageriale e il diploma di Alta formazione della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Numerosi gli incarichi dirigenziali e di direzione nel settore Prevenzione, in particolare dell’Igiene pubblica e nutrizione.

“E’ per me un orgoglio poter dirigere un Dipartimento che ha sempre ottenuto grandi risultati nell’offerta di servizi al cittadino nell’ambito generale della prevenzione. Un ringraziamento al dottor Paolo Madrucci, in pensionamento, che lo ha diretto fino a ora e ringrazio l'Azienda per la fiducia che mi ha dimostrato con questo importante incarico. Inizio questa nuova avventura con grande soddisfazione e la volontà di dare il massimo impegno per migliorare ancora” ha commentato Spagnesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra tir in A1: corsia a lungo chiusa, caos traffico. Due feriti estratti dalle lamiere

  • Sugar è il miglior negozio del pianeta: Arezzo sul tetto del mondo con Mosca e Tokyo

  • "Ciao Nicola, gigante dal cuore gentile". Croce Rossa e Sbandieratori in lutto per l'improvvisa scomparsa di Bocciardi

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Bimbo aretino nasce con l'intestino nel torace: salvato con rarissimo intervento

  • Mamma e figlia di 3 anni inseguite e minacciate per via di un parcheggio: "Siamo dovute correre dentro l'asilo"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento