La scuola dell’infanzia Acropoli passa sotto la gestione dello Stato

L'assessore Tanti: "Un bel segnale, che garantisce alle famiglie un servizio senza costi e di qualità"

“Tenere duro paga: dopo 7 anni lo Stato finalmente ha riconosciuto ad Arezzo più personale educativo per la scuola dell’infanzia. Un bel segnale, che garantisce alle famiglie un servizio senza costi, di qualità e di cui beneficerà la scuola dell’infanzia Acropoli”.

Commenta così, l’assessore alle politiche scolastiche Lucia Tanti il passaggio di una sezione della scuola suddetta, quella dei piccoli, dal Comune allo Stato.

“Richiesta che la giunta Fanfani – prosegue Tanti – fece nel 2012 e che ho condiviso. Fin dal prossimo settembre, sarà dunque possibile iscrivere i bambini all’Acropoli senza pagare alcuna retta, questo in virtù della gratuità delle scuole statali, un aspetto importante in un periodo in cui le difficoltà economiche non sono scomparse. Una soluzione per la quale ringrazio il provveditore Roberto Curtolo che da sempre si prodiga affinché lo Stato faccia la sua parte per contribuire all’efficienza del sistema integrato aretino, che ha bisogno di tutti gli attori per funzionare nell’interesse delle famiglie, dei loro figli e del personale educativo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • New Delhi, oltre 30 decessi sospetti in Toscana. L'infettivologo di Arezzo: "Vi spiego come si previene"

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Fare la spesa risparmiando, la guida di Altroconsumo: ecco la classifica dei supermarket di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento