Giulia, i tre amici e le sardine stasera a Modena. Niente comizio per Salvini. A fine novembre in Toscana

Dopo la non scontata partecipazione ottenuta in piazza Maggiore a Bologna, oggi danno appuntamento al popolo silente alle 19 in piazza grande a Modena

Tornano in piazza con il loro silenzio assordante. Le "sardine" contro Salvini - movimento ideato dalla giovane aretina Giulia Trappoloni e dai suoi tre amici - questa sera hanno organizzato un nuovo flash mob, a Modena dove il leader della Lega avrebbe dovuto tenere un incontro elettorale. Avrebbe, perché gli impegni lo hanno portato a cambiare programma. 

Come spiega Modena Today, Salvini avrebbe dovuto incontrare  in centro storico, nella zona di via Gallucci, "ma questa uscita pubblica è stata cancellata e sostituita da due appuntamenti differenti. Alle 17,30, infatti, Salvini sarà a Novi di Modena per la visita all'azienda agricola Gasparini, di via Mazzarana, mentre alle 18.20 sarà a Carpi per un incontro (privato) presso l'azienda di moda Twinset in via del Commercio. Successivamente, alle 20.30, si svolgerà una cena presso il ristorante 212 di via Galilei a Modena, già punto di riferimento per la campagna elettorale della Lega alle scorse amministrative.“

Le "sardine" però hanno deciso di non cambiare programma: dopo la non scontata partecipazione ottenuta in piazza Maggiore a Bologna, oggi danno appuntamento al popolo silente alle 19 in piazza grande a Modena. 

Tutte le forme di protesta fanno paura -hanno scritto sulla pagina Facebook-. Soprattutto se partono dal basso sfruttando mezzi che la retorica populista non conosce. Il silenzio delle sardine è stato assordante. Perché eravamo una marea e perché avevamo il sorriso sulle labbra mentre gli altri gridavano rabbiosi. Siamo partiti dal basso che più basso non si può. E per questo siamo vulnerabili. I nostri avversari lo sanno e hanno già attivato la macchina del fango. Ci accusano di essere assassini, figli di papà, cazzari. Ci accusano di non esistere. Vorrebbero non esistessimo. Perché se non ci fossimo, la pancia continuerebbe a prevalere sulla testa. Avevamo già detto che sarebbero stati tempi duri e che non si sarebbe tornati indietro. Ora abbiamo due possibilità. Tornare a nasconderci dietro responsabilità altrui oppure rispondere alla chiamata del vivere civile e democratico. Rispondere con i mezzi che hanno aperto un primo squarcio. Essere presenti a Modena oggi, premiando lo sforzo di due ragazzi ventenni che ci stanno dando l'anima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il popolo delle sardine guarda avanti e il primo evento toscano è previsto per il 30 novembre a Firenze dove per quella sera è in programma al Tuscany Hall, una iniziativa nella quale il leader della Lega incontrerà i tanti sostenitori fiorentini del Carroccio per lanciare la sfida delle elezioni regionali 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento