Reti gas del gruppo Estra: due dispersioni ogni cento chilometri

Centria svolge attività di ispezione sistematica delle proprie reti in modo continuativo ed in misura ben superiore rispetto alla media nazionale degli altri distributori. Tutta la rete di distribuzione del metano che, a fine 2017, era di oltre 5.100 km, viene controllata, in media, 3,4 volte all’anno A seguito delle ispezioni eseguite si sono rilevate […]

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   9 agosto 2018 10:22  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo, Casentino, Valdarno, Valdichiana, Valtiberina


Centria svolge attività di ispezione sistematica delle proprie reti in modo continuativo ed in misura ben superiore rispetto alla media nazionale degli altri distributori.
Tutta la rete di distribuzione del metano che, a fine 2017, era di oltre 5.100 km, viene controllata, in media, 3,4 volte all’anno A seguito delle ispezioni eseguite si sono rilevate 2 dispersioni ogni 100 km di rete. Sono alcuni dei numeri, pubblicati dall’Autorità di settore (ARERA) relativi a Centria Reti Gas, la società del Gruppo Estra che si occupa della distribuzione del gas naturale.

Dati che collocano la società ai primi posti in Italia per le attività relative alla sicurezza degli impianti. Centria, rispetto alla media nazionale, esegue un numero di ispezioni superiore (3,4 rispetto ai 2,3 nazionali) e registra, mediante tale attività, un numero inferiore di dispersioni (2 ogni 100 km di rete ispezionata rispetto alle 8 nazionali).
Elementi che in ultima analisi garantiscono la sicurezza dei cittadini nei territori serviti: 91 Comuni nelle province di Arezzo, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Lucca, Perugia, Pistoia, Prato, Rieti, Siena e Teramo

Centria registra ottime performance anche per quanto riguarda il numero, molto basso, delle dispersioni segnalate dai cittadini: 1.359 segnalazioni su 368.900 utenti serviti (dato relativo al 2017). Questo dato dimostra la buona qualità delle reti e un’oculata gestione nella distribuzione. Inoltre poche dispersioni significano, automaticamente, un basso numero di eventi che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza e l’incolumità delle persone e delle cose (incendi, scoppi, esplosioni).

Livelli di qualità che tutelano il territorio, che garantiscono alti standard di sicurezza e che non potrebbero essere raggiunti senza investimenti importanti sulle reti, sulla formazione del personale, per gli allacciamenti, per la sostituzione dei vecchi contatori con quelli elettronici, per l’introduzione di tecnologie innovative. Gli investimenti di Centria, nel 2017, per queste attività, hanno superato i 13 milioni di euro.

“Nella relazione annuale dell’Autorità, Centria si trova, per ogni aspetto, nelle prime posizioni tra i vari distributori italiani. Questi risultati – dichiara Siliano Stanganini amministratore delegato di Centria – sono il frutto di un impegno comune e condiviso (del socio unico Estra, degli amministratori, del personale) mirato al conseguimento di un livello di eccellenza sempre più elevato. La quota degli investimenti dimostra quanto sia importante anche l’impegno finanziario dell’azienda per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti“

blog comments powered by Disqus