Il tango, l'amore e la chitarra: da Montevideo ad Arezzo e ritorno. La storia di Graciela e Gonzalo

Partirono da Montevideo nel 1982 e ad Arezzo hanno trascorso il resto della loro vita: la loro storia è raccontata oggi su Rai 3 nella trasmissione "Radici"

Una storia d'amore, musica e danza. Una storia che parte dal tango e approda alla chitarra classica. E' una storia in buona parte aretina quella che il programma "Radici - l'altra faccia dell'immigrazione", di Davide Demichelis in onda oggi, alle 13 racconterà su Rai3.

Il Tango è solo uno dei tanti fili che legano l'Italia e l'Uruguay, dove il 36 per cento della popolazione ha origini italiane. E' anche per questo che nel 1982 Graciela e Gonzalo Solari hanno lasciato Montevideo per trasferirsi ad Arezzo, dove sono cresciute le loro tre figlie. Ma non solo. La Polizia politica della Giunta militare, allora al governo in Uruguay, aveva già fermato Gonzalo che rischiava di finire in carcere. Ad Arezzo, dove ha vinto una borsa di studio, lui ha potuto approfondire la sua passione per la musica e in particolare la chitarra. Oggi è uno dei maggiori interpreti della classica latinoamericana. Graciela è insegnante di spagnolo nella scuola pubblica, precaria.

La puntata di Radici racconta come per la prima volta la coppia torni nei luoghi dov'è sbocciato l'amore: Punta del Este, punta Ballena, il quartiere Mato Grosso di Fray Bentos. Dal 1982 tanto è cambiato: ci sono palazzi sempre più alti e la vita è sempre più frenetica. "Il loro legame con la loro terra e le loro radici però, è quello di sempre: forte, fortissimo".

"Insieme a Davide Demichelis, Graciela e Gonzalo tornano dalle loro famiglie, ma anche nel prestigioso Teatro Solis di Montevideo, dove Gonzalo ha suonato, visitano le pianure sterminate dell'entroterra e la fattoria di famiglia gestita da un fratello di Graciela, e si affacciano sulle rive del Rio de La Plata a Fray Bentos, città natale di Gonzalo.Radici è un progetto realizzato in collaborazione con il Ministero dell'Interno e cofinanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione."

Potrebbe interessarti

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

  • Lo zenzero fa bene, ma non sempre: quando e perché non va consumato

  • I 5 errori da evitare quando si arreda casa

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Va a sbattere contro un muro: soccorso con Pegaso

  • Schianto all'alba in Valdichiana. Due feriti, uno è in gravi condizioni

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento