Presepe con Gesù Bambino "migrante". Il parroco: "Una provocazione, ma l'odio invade le nostre comunità cristiane"

Come lo scorso anno un allestimento controcorrente. Dietro la figura del bimbo nella mangiatoia, c'è una foto simbolica, che rappresenta i piccoli che "lasciamo morire senza troppe lacrime, anzi, forse, talvolta dicendo che potrebbero restare a casa loro"

Un presepe contocorrente. Come lo scorso anno - quando Gesù era un bimbo morto sulla spiaggia -, l'allestimento nel santuario di Santa Maria del Calcinaio - recentemente sistemato - è destinato a far discutere.

Un Natale diverso

"Si possono fare i commenti che si vogliono, si può essere d’accordo in tutto o in parte, ci si può ragionare e sbizzarrire sopra, ma con il suo presepe il Calcinaio vuole sempre provocare e far riflettere per superare il concetto che Natale sia lucine colorate, case di Babbo Natale, Gesù Bambini preconfezionati che hanno il potere di agitare, ma solo per feste, una certa molle sensibilità cha ogni tanto ha bisogno di sentirsi buona. I problemi di oggi sono tanti e il Natale non viene per nasconderceli ma per spingerci ad essere parte attiva",  così motiva la scelta Don Ottorino Cosimi.

La questione migranti

E aggiunge il parroco:

Ecco perché dietro al Gesù Bambino c’è una foto che ricorda quanti "gesù bambini" lasciamo morire senza troppe lacrime, anzi, forse, talvolta dicendo che potrebbero restare a casa loro, anche se la loro casa è la Siria, o la Libia.

Il parroco si sofferma poi sul significato della fede e le manifestazioni di odio nei confronti dei migranti anche da parte di chi si professa fedele.

Erode ha paura del Presepe - continua - perché in qualche modo pensa che lo minacci. Rispettare le altre fedi non vuol sicuramente dire non credere in quella che abbiamo. Ma domandiamoci: quale è la nostra fede? L’odio verso i migranti sta diventando di casa nelle nostre comunità cristiane.

Pilato si lava le mani, all’opposto dell’“ I care” di Barbiana, e allora, se si rinuncia a impegnarci in prima persona e a difendere quello che il Natale insegna, Dio che si fa uomo, ma uomo povero e bambino, ogni osanna al Natale diventa solo sterile poesia.

L'albero della Caritas

Infine, don Ottorino parla di un'iniziativa simbolica e concreta al tempo stesso.

Al Santuario del Calcinaio, appena si entra in Chiesa, quest’anno c’è l’albero di Natale addobbato con i generi alimentari che servono per le famiglie che la Caritas parrocchiale sostiene. Non ci sono palline e nastri argentati ma l’invito a partecipare al progetto della “Spesa Sospesa” per un Natale più concreto, più vero, quello che si ricorda della solidarietà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Trasporto eccezionale perde lastre di cemento in curva. Chiuso lo svincolo al ponte dell'ex Lebole

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Sfida "spaccatesta": genitori in allarme. Il violento gioco di moda sui social

  • Schianto auto moto, due 19enni feriti: uno soccorso con Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento