Anche ad Arezzo c'è Opposizione Cgil, il sindacato è un'altra cosa. L'adesione allo sciopero dell'8 marzo

Anche ad Arezzo c'è Il Sindacato è un’altra cosa - Opposizione CGIL . La minoranza interna a livello nazionale è rappresentata da Eliana Comu esce così sempre più allo scoperto e rivendica il ruolo di pungolatore, di linea più ferma della Cgil.

Opposizione Cgil aderisce allo sciopero dell’8 marzo. L’8 marzo nasce dai movimenti di rivendicazione dei diritti delle donne di inizio 900 come giornata di lotta. Anche quest’anno, sarà una giornata di sciopero in tantissimi paesi del mondo. Lo sciopero, lanciato dal movimento argentino Ni Una Menos nel 2017 contro la violenza maschile sulle donne, attraversa tutte le discriminazioni delle donne, compreso il doppio sfruttamento del loro lavoro: nei posti di lavoro e in casa. In questi anni, la condizione delle lavoratrici italiane è peggiorata, anche a causa della riforma Fornero che ha reso uguale l’età di vecchiaia di uomini e donne, portandola a 67 anni. L’ultima riforma ha poi reintrodotto l’opzione-donna, con cui le donne possono andare in pensione prima ma con una forte penalizzazione che abbassa così gli importi medi, già bassi, delle loro pensioni. Come se non bastasse, l’ultima finanziaria, oltre a ulteriori tagli alla spesa sociale, prevede che si possa restare al lavoro fino al 9° mese di gravidanza, esponendo le donne a un odioso ricatto da parte dei datori di lavoro. L’8 marzo non può essere soltanto una giornata di festa o di commemorazione. Deve essere una giornata di lotta e di sfida. Ecco perché l’8 marzo sciopereremo. Da tutto: dal lavoro produttivo nei posti di lavoro, da quello riproduttivo dentro casa, da ogni stereotipo e pregiudizio che pretende di dirci come dobbiamo o non dobbiamo essere. Quest’anno, è tanto più importante scioperare, contro un Governo razzista, sessista e omofobo, in mano a esponenti antiabortisti del Family Day e a inquisitori medioevali come Fontana e Pillon.

Il Sindacato è un’altra cosa Opposizione CGIL pensa che gli organismi nazionali della GCIL abbiano sbagliato a non aderire allo sciopero e abbia perso una grande occasione di mobilitazione. Le iniziative di discussione e di confronto non bastano. Bisogna lottare. Tante/i delegate/i della Cgil aderiranno lo stesso, costruendo lo sciopero con assemblee nei posti di lavoro e iniziative, informando le lavoratrici e i lavoratori e, laddove possibile, proclamandolo anche come RSU/RSA. Il Sindacato è un’altra cosa Opposizione CGIL invita tutte i lavoratori e le lavoratrici a scioperare perché è urgente e necessario, contro la violenza sulle donne ma anche contro le discriminazioni nel lavoro e nella società: - contro l’attacco continuo e feroce ai diritti, compresi quelli elementari e intoccabili della tutela della maternità; - per una reale pari dignità e parità di salario nel mondo del lavoro; - contro turni massacranti, flessibili e ingestibili per la propria vita, compresi i part time involontari di tanta parte del settore dei servizi e il lavoro domenicale e festivo; - per contrastare i tagli al welfare universale e gratuito, contro ogni autonomia differenziata e contro le pratiche di welfare aziendale; - perché vengano abolite tutte le leggi che hanno istituzionalizzato la precarietà i cui effetti continuano a produrre discriminazioni, ricatti, violenze e molestie sul luogo di lavoro, tanto più per le donne migranti; - per sostenere la redistribuzione del lavoro con la riduzione dell’orario a parità di salario e l’abrogazione della Fornero; - per liberarsi dalle relazioni patriarcali, dai ruoli imposti, dai pregiudizi e dagli stereotipi; - per difendere e finalmente applicare la legge 194, contro l’obiezione di coscienza; - per contrastare le politiche sessiste e omofobe del governo, a cominciare dal ddl Pillon

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Io sto con Walter". Pioggia di adesioni, dopo Sofri arriva la solidarietà di Scanzi: "Tieni duro"

  • Dramma nella notte, morto Gabriele Frosini: malore fatale

  • E' morto Beppe Bigazzi, noto volto de La Prova del Cuoco

  • Schianto fra auto, sette feriti: bimbo di 4 anni gravissimo. Altri due bambini coinvolti

  • Baby inventori aretini portano il futuro in ogni casa. Il vecchio impianto elettrico? Diventa domotico

  • Scontro tra un furgone e una motocicletta: terribile schianto in via Aretina

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento