Nuova immagine per la Madonna del Parto: una grafica coordinata per i Musei Civici di Monterchi

Sabato 1 giugno alle ore 18:30 presso i Musei Civici Madonna del Parto di Monterchi sarà presentato il primo progetto di grafica coordinata che ha portato alla realizzazione di un nuovo logotipo per l’opera.

Dopo i rinnovamenti ed i miglioramenti degli spazi interni dei Musei Civici realizzati nel febbraio 2018, il Comune di Monterchi, con il contributo della Regione Toscana, si è affidato alle competenze di Riccardo Falcinelli (Art Director) per realizzare una “nuova immagine” dell’opera di Piero della Francesca. Nel dettaglio, oltre al nuovo logotipo, sono state realizzate anche due brochure: una incentrata esclusivamente sulla Madonna del Parto ed una su Monterchi.

“La Madonna del Parto è uno dei grandi dipinti del Rinascimento” - commenta il Direttore Artistico Riccardo Falcinelli - “ma ha avuto un destino particolare: non si trova in un grande museo o in una collezione. Per gli studenti di storia dell’arte il capolavoro di Piero è un luogo di pellegrinaggio obbligato ma per il pubblico generale è più difficile scoprirlo e apprezzarlo. L’immagine grafica è un piccolo aiuto in questa direzione. Abbiamo progettato un logotipo che raccontasse i Musei Civici e con l’occasione abbiamo commissionato allo studio ‘Zetafont’ di Firenze, un’eccellenza italiana, un carattere tipografico ad hoc. Lo abbiamo battezzato ‘Monterchi’ e sarà in uso al Comune per tutti gli usi istituzionali. Si crede che l’immagine grafica coordinata (il "brand" come dicono in pubblicità) sia qualcosa che serve solo alle aziende invece anche la cultura ne ha bisogno, non per vendere, ma per raccontare la propria storia, per trovare una voce unica e riconoscibile che promuova il patrimonio, spesso misconosciuto, del Paese”.

A coordinare i lavori è stata Silvia Mencaroni, assessore alla cultura uscente del Comune di Monterchi: “Per giungere al risultato di oggi, abbiamo impiegato qualche anno, è stato un percorso importante quello che il Comune di Monterchi ha portato avanti tra il 2014 e il 2019: prima di preoccuparci della comunicazione e dell’identità dell’opera è stato necessario risolvere mancanze importanti del museo, come dico sempre era necessario arrivare al punto zero, per poter mettere in atto progetti di spessore legati alla comunicazione. Creare un’identità per La Madonna del Parto non è stato affatto un lavoro di facile soluzione,  per questo motivo ci siamo rivolti e appoggiati a professionisti del settore nel panorama nazionale che avessero capacità tali non solo da essere in grado di creare un logotipo e una comunicazione coordinata, ma che avessero la forza e la sensibilità di comprendere e capire la storia e le vicende dell’opera. La genialità e le competenze di Riccardo Falcinelli sono state tali che è riuscito a dare soluzione (e che soluzione!) e risposta alle necessità dell’Ente,  legando in modo indissolubile La Madonna del Parto alla municipalità  dov’è stata affrescata ed è custodita dalla metà del quattrocento: Monterchi. Inoltre sono state create due brochure, una incentrata esclusivamente sulla Madonna del Parto e l’altra su Monterchi. Il progetto è stato realizzato con il contributo della Regione Toscana destinato ai musei di interesse regionale.

Oggi come assessore alla cultura uscente so per certo che il percorso delineato in questi anni non è il punto di arrivo, ma quello di partenza per lo sviluppo e la promozione della Madonna del Parto di Piero della Francesca . Sono certa di aver lasciato un’importante eredità alla nuova amministrazione che si sta formando, guidata dall’appena riconfermato Sindaco Alfredo Romanelli ,con il quale ho avuto il piacere di amministrare in questi anni e quindi sicura che il percorso intrapreso del marchio e dell’immagine coordinata proseguirà con successo se continueremo a  perseguire sempre obbiettivi di lungo respiro”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La Casa Museo Bruschi resta chiusa, ma apre virtualmente le sue porte

    • dal 12 marzo al 5 aprile 2020
    • Casa Museo Ivan Bruschi
  • #MuseichiusiMuseiaperti: il Maec apre (virtualmente) le porte ai visitatori

    • dal 27 marzo al 13 aprile 2020
    • Maec Cortona
  • CoronArte, gli artisti si raccontano ad Andrea Speziali in una mostra digitale

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 5 giugno 2020
    • Salotto Liberty

I più visti

  • Zumba in diretta Instagram con Lia Bertocci

    • dal 22 March al 23 April 2020
  • Il risveglio di un gigante e Cristiada in visione gratuita online

    • dal 13 March al 5 April 2020
  • Un Bonelli al giorno. Fumetti omaggio con la noia 

    • Gratis
    • dal 23 March al 5 May 2020
  • Raccontare fiabe contro la paura (online)

    • dal 14 March al 13 April 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento