Mauro Valenti a ruota libera: Arezzo Wave, la radio, Piazza Grande e il ritorno con SudWave

Adesso Mauro Valenti ha deciso di tornare ad Arezzo con un nuovo progetto: SudWave

Arezzo Wave, per chi non lo ricordasse, è stato uno dei più grandi festival europei.
Una creatura unica nel proprio genere che deve la propria nascia ad un uomo, Mauro Valenti.
Aretino puro sangue nato nel 1957 e cresciuto a pane, musica, radio e calcio.

Negli anni '80 la città stava vivendo il suo momento di massimo splendore dal punto di vista economico. Ed è proprio in questo contesto che nasce una piccola rassegna musicale destinata a segnare per sempre la storia recente di Arezzo.

"Le prime due edizioni di Arezzo Wave - racconta Mauro Valenti - vennero organizzate a Le Caselle. Da lì ci spostammo in fortezza, poi al Prato, poi in via Arno dove rimanemmo fino al 1995. Poi invademmo lo stadio e quelli sono stati forse gli anni più intensi per il festival. Successivamente, per tutta una serie di vicissitudini abbiamo cambiato più volte casa. Firenze, Salento, Livorno e poi di nuovo Arezzo e alcune località della provincia".

Una vita trascorsa immerso fino al collo nella musica, nella letteratura, nel teatro. Ma anche, nel calcio.
Non tutti sanno infatti che Valenti è stato anche il creatore di una squadra che ha militato nel campionato Uisp.

"Abbiamo vinto tutto quello che potevamo - racconta - poi questa esperienza è terminata. Con il gruppo ci troviamo ma non pratichiamo più. Io poi, prima che come appassionato di musica e dj, nasco come terzino sinistro. Ero davvero bravo e mi sono anche guadagnato i miei primi risparmi giocando al pallone".

L'altra grande passione di Mauro Valenti è stata la radio.

"Sono stato fortunato - racconta ancora - ho vissuto gli anni di Radio Torre Petrarca insieme a grandi personaggi come Stefano Bianchi (fondatore di Blow Up), Paolo Brasini, Stefano Fragai. Con loro la mia passione per la musica è cresciuta fin tanto che decidemmo di trasformarla in Radio Wave per dare voce al festival che nel frattempo stava crescendo e diventando sempre più importante. Nel 2016 invece la radio del Festival è stata definitivamente chiusa e le frequenze vendute a Giuseppe Misuri che da quel giorno ha fondato Radio Fly".

Valenti: "Noi la cosa più importante per Arezzo degli ultimi 500 anni"

E poi c'è Piazza Grande. Il giornale, la rivista di annunci che tutti in città sono abituati a consultare per cercare lavoro oppure occasioni di compravendita di oggetti.

"Un esperimento che con il tempo ha consolidato la propria presenza sul territorio - spiega - Ho sempre pensato che da grande avrei voluto fare il facilitatore di sogni. Con il Love Festival ci sono riuscito ed in parte, credo, di esserci riuscito anche con questo giornale visto che molte persone hanno trovato lavoro o raggiunto i propri scopi grazie ai nostri annunci".

Adesso Mauro Valenti ha deciso di tornare ad Arezzo con un nuovo progetto: SudWave

Dall’8 all’11 novembre con anteprima a Firenze mercoledì 7, appuntamento dedicato a chi suona, ai tecnici di settore, a chi organizza concerti, a chi li frequenta, a chi cura la sicurezza. Sud come Sudeuropa, il progetto vede infatti 4 paesi partner insieme all’Italia: Francia, Spagna, Portogallo, Grecia. Wave come Fondazione Arezzo Wave Italia, che organizza questo primo appuntamento presentando raccolti in pochi giorni contatti e know how di trenta anni di Arezzo Wave Festival.

40 concerti, 26 panel, 30 relatori, 8 paesi coinvolti, alcune centinaia di migliaia di persone il pubblico potenziale rappresentato dai direttori di festival che verranno in Toscana. Arezzo si candida così ancora una volta come punto di riferimento per il mondo musicale, con Sudwave come “facilitatore” di incontro tra domanda e offerta tra chi offre la propria espressione e creazione di ingegno e chi è in grado di riconoscere i talenti e determinarne il successo in un paese piuttosto che un altro.

Valenti torna con Sudwave

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tragedia a Pinarella, Giovanna sbalzata dall'auto e morta sul colpo. L'amica in rianimazione

  • Cronaca

    Strada pericolosa a Indicatore. Il Comune: "Non possiamo fare un attraversamento rialzato. Metteremo le luci"

  • Salute

    Guardia medica: niente pausa per Pasqua. Gli orari ad Arezzo e nelle vallate

  • Cronaca

    Auto in fiamme nel parcheggio della ex caserma Cadorna

I più letti della settimana

  • Tragedia in provincia di Arezzo: muore in casa a 21 anni

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

  • Schianto all'alba a Pinarella, muore 29enne aretina. Arrestato il guidatore dell'altra auto: era ubriaco

  • Frontale all'alba al Torrino: tre feriti, grave una ragazza di 26 anni

  • Paese sconvolto per la morte di Sofia Panconi, continua la profilassi

  • Striscia, gaffe a Cortona: "Si vede il lago di Bracciano" ma è il Trasimeno. Rivolta social: "Tapiro a Staffelli"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento