Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lucia Tanti lancia il programma dei Cas, in attesa della decisione del sindaco: "Adesso porto la croce"

Presentato il cartellone di eventi sulla sicurezza e la salute che si terranno nei Cas di Arezzo

 

Una serie di incontri con i cittadini, presso i centri di aggregazione sociale, che ruoteranno intorno ai temi della salute e della sicurezza. Il programma degli appuntamenti nei Cas di Villa Severi, Tortaia, San Marco, Pionta, Indicatore e Battifolle, è stato presentato stamani in conferenza stampa dall’assessore Lucia Tanti. Il calendario si aprirà venerdì 4 ottobre ed è stato ufficializzato fino al 3 dicembre. La serie di iniziative ha ricevuto il patrocinio del Comune di Arezzo, della Usl Toscana sud est e dell’ordine dei medici.

I Cas svolgono una importante funzione di coesione e di aggregazione sociale – ha spiegato l’assessore Lucia Tanti – ma in questo caso voglio sottolineare anche quella di informazione per la cittadinanza su argomenti delicati quali salute e sicurezza. Da parte dell’amministrazione c’è condivisione piena per le modalità e le finalità di queste iniziative, portate avanti in stretta collaborazione con la polizia locale e con la Usl”.

Roberto Prestigiacomo, ispettore della polizia locale di Arezzo:

“La sinergia tra enti è molto importante quando si tratta di dare risposte puntuali, precise ai cittadini. La polizia locale parteciperà attivamente all’organizzazione di due incontri (il 22 novembre a Villa Severi, il 3 dicembre a Tortaia) sugli interventi per la sicurezza delle categorie deboli. I reati contro gli anziani sono in aumento ed è un dato che non possiamo ignorare”.

Evaristo Giglio, direttore della Zona Distretto di Arezzo della Usl sud est:

“Questo è un esempio di come la prevenzione può essere attuata in maniera efficace, trattando i temi sensibili che toccano larghissime fette di popolazione e che incidono sugli stili di vita della gente. Malattie cardiovascolari, malattie neuro degenerative e dipendenze richiedono livelli di attenzione molto alti e gli incontri presso i Cas vanno in questa direzione”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento