Luca Grisolini nuovo presidente dell'Anpi Arezzo

Sabato 30 maggio, presso la Camera del Lavoro di Arezzo, il Comitato Provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia si è riunito per eleggere il proprio presidente e per commentare gli esiti del Congresso di Rimini. Al termine di una...

luca grisolini

Sabato 30 maggio, presso la Camera del Lavoro di Arezzo, il Comitato Provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia si è riunito per eleggere il proprio presidente e per commentare gli esiti del Congresso di Rimini. Al termine di una discussione incentrata sul tema della riforma costituzionale e sulla necessità di rilanciare il proprio ruolo di difesa della Resistenza, i membri del Comitato (organo rappresentativo di tutte le sezioni della provincia: Arezzo, Cortona, San Giovanni Valdarno, Sansepolcro, il Casentino, Cortona, Foiano e Civitella in Val di Chiana) hanno eletto a maggioranza Luca Grisolini, già presidente dell’ANPI Casentino, come nuovo vertice dell’Associazione.

Grisolini, 26 anni, laureato in sociologia, libero professionista, succede alla storica guida di Amedeo Sereni, eletto Presidente Onorario nel Congresso Prov.le durante l’ultimo congresso tenuto il 9 aprile presso la Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo. Il giovane neo – presidente, dal 2002 impegnato nell’ANPI e oggi studioso di resistenza locale, avrà il compito di guidare il Comitato per il prossimo quinquennio, in un momento di particolare delicatezza storica che vede l’associazione schierata, a livello nazionale, sul fronte della difesa della Costituzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Molte saranno le cose da fare” ha detto Grisolini “in una realtà dalla forte rilevanza storica della memoria resistenziale: anche nella nostra città il riaffiorare di movimenti filofascisti rappresenta infatti una preoccupazione per il futuro che non può essere di certo sottovalutata. Cercheremo di raccontare la Resistenza nelle scuole secondo il protocollo nazionale d’intesa tra ANPI e MIUR, in modo da far conoscere la storia delle stragi nazifasciste ai nostri giovani; organizzeremo e digitalizzeremo il nostro archivio provinciale, una fonte importantissima per quanti vorranno, in futuro, studiare le dinamiche belliche del nostro territorio; continueremo a presentare, comune per comune, il libro di Antonio Curina, “Fuochi sui Monti dell’Appennino Toscano”, il più significativo testo sulle vicende partigiane aretine ristampato in occasione del 70° Anniversario della Liberazione. E ovviamente, ci impegneremo, sin da oggi, nelle piazze per difendere la Costituzione e per ampliare il nostro numero di tesserati”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento