La meraviglia delle Balze ripulite dal pattume: ecco "Liberi dai rifiuti"

Appuntamento domenica 9 giugno, si comincia con la pulizia del Sentiero dell’acqua zolfina in località Riguzze nel Comune di Castelfranco Piandiscò

Appuntamento domenica 9 giugno alle 8 al parcheggio dello Stadio Comunale di San Giovanni Valdarno in piazza Palermo per ottimizzare l’utilizzo delle auto per iniziare alle 8.45 con la pulizia del Sentiero dell’acqua zolfina in località Riguzze nel Comune di Castelfranco PiandiScò.

Fa tappa nel Valdarno, e in particolare nella zona delle Balze, Liberi dai rifiuti, l’iniziativa di volontariato ambientale, promossa da Unicoop Firenze e Legambiente e organizzata sui diversi territori dalle sezioni soci Coop e dai circoli di Legambiente. La domenica si svolgerà con una passeggiata, alla ricerca e raccolta dei rifiuti, di circa 6 km con un dislivello di 300 metri ed il rientro è previsto per le ore 13 circa.  

Gli appuntamenti di Liberi dai rifiuti prevedono azioni di cura del proprio territorio, come ultima fase di “Ecooperare”. Il progetto, nato con i primi incontri volti a identificare le buone pratiche e i consigli per aiutare l’ambiente, si è sviluppato con la prima guida partecipata all’ecologia quotidiana d’Italia. E visto che l’argomento rifiuti è risultato il più popolare durante tutto il percorso, ecco l’idea di ritrovarsi un sabato o una domenica di maggio per dedicare qualche ora a ripulire i luoghi che più ci stanno a cuore. In programma anche appuntamenti con le scuole e, in particolare, con gli studenti che da gennaio ad aprile hanno partecipato alle proposte educative sulla sostenibilità ambientale.

Liberi dai rifiuti

Guanti e sacchetti alla mano, le tappe di “Liberi dai rifiuti” coinvolgono zone urbane e altre più verdi, una spiaggia e alcuni argini dei torrenti, con lo stesso obiettivo: lasciare il bosco o il prato più pulito di come lo si è trovato, riflettere su quanto è importante rispettare l’ambiente, dare un esempio pratico di tutela ambientale e impegno civico. Ma anche trascorrere qualche ora insieme, come comunità, e alla fine della raccolta confrontarsi su cosa si è trovato, sul corretto smaltimento delle diverse tipologie di rifiuto e sulle altre buone pratiche sostenibili, ferma restando l’importanza di cercare di evitare di produrre più rifiuti del dovuto, ad esempio leggendo sempre le etichette prima di comprare un prodotto, in modo da essere pronti per lo smaltimento. 

Maglietta delle giornata illustrata da Makkox

Per partecipare a Liberi dai rifiuti è sufficiente presentarsi il giorno individuato sul territorio all’ora indicata al luogo di ritrovo, dove Unicoop Firenze e Legambiente distribuiranno il kit per la raccolta, che comprende guanti e sacchetto, oltre alla maglietta della giornata, illustrata da Makkox, e un piccolo ristoro offerto da Unicoop Firenze. Il sito di riferimento per il calendario degli appuntamenti ed eventuali aggiornamenti è www.ecologiaquotidiana.it. Per chi vuole, l’hashtag per condividere le proprie immagini di Liberi dai rifiuti è #liberidairifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • "E' il bar della droga". Il questore di Arezzo lo chiude 10 giorni

  • Aleandra Checcacci è stata ritrovata: è ricoverata all'ospedale di Saronno. Era scomparsa dal 31 luglio

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

  • Guida Michelin 2020: cinque ristoranti aretini Bib Gourmand

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento