L'Australia ucciderà 2 milioni di gatti. Il ricercatore aretino: "Progetto interessante, vi spiego perché"

Due milioni gatti in Australia verranno uccisi. Provvedimento estremo, annunciato qualche giorno fa dal governo federale dell'isola (qui l'articolo del Guardian), che ha choccato i più, non solo gli attivisti per i diritti degli animali. La...

gatto-ghiro-morto

Due milioni gatti in Australia verranno uccisi. Provvedimento estremo, annunciato qualche giorno fa dal governo federale dell'isola (qui l'articolo del Guardian), che ha choccato i più, non solo gli attivisti per i diritti degli animali. La notizia, diventata virale sui social, ha innescato condanne a valanga, ma non ha scomposto più di tanto Mattia Menchetti.

Quokka-wikipediaAretino, 25 anni, laureato in Scienze Biologiche all’Università di Firenze e giovane ricercatore (con all'attivo più di 20 pubblicazioni tra riviste scientifiche nazionali e internazionali e la prestigiosa menzione del sito di Science), è co-autore di uno studio sulla pericolosità dei gatti, portato avanti assieme ad altri ricercatori, Emiliano Mori e Leonardo Ancillotto. “Il gatto domestico Felis silvestris catus è inserito nella lista fra le cento peggiori specie invasive, ha contribuito all'estinzione di almeno 33 specie. In Australia ha portato alla scomparsa di 28 mammiferi e 120 specie native sono fortemente minacciate: tra queste il Quokka (foto a lato tratta da wikimedia commons, Brian W. Schaller), il Bilby, il Numbat”, spiega Menchetti.

gatto-ratto-mortoSulle predazioni feline, Mattia ha raccolto e catalogato migliaia di segnalazioni su tutto il territorio nazionale, un lavoro monumentale e certosino, fotografando una realtà semi-sconosciuta ma inquietante. Tra le vittime dei gatti domestici: piccoli mammiferi, uccelli, rettili. Alcune particolarmente a rischio di estinzione. Il materiale è stato riassunto e pubblicato anche dalla rivista Oasis.

Il problema australiano è però un caso estremo. “In Australia – prosegue Mattia - sono stimati 20 milioni di gatti rinsevatichiti. Cioè ferali, non randagi, né domestici, che orbitano attorno ai centri abitati. Due milioni verranno uccisi da qui al 2020 e verrà usato un veleno che si chiama Curiosity®. Verranno usate esche, salsicce che contengono una pastiglia avvelenata. Si tratta di una soluzione ad hoc: i gatti, che non hanno i molari, ingoiano il boccone; gli altri animali masticano, avvertono il veleno e sputano”.

Quando si tratta di contenere cinghiali e nutrie, non si crea scalpore. Se qualche nutria muore, per i più, non c'è differenza: non fa le fusa, non si struscia sulle gambe ed è pure considerata rivoltante. La grande differenza dei gatti è il legame affettivo con l'uomo. Ma lo sguardo del biologo va oltre.

Menchetti-Mattia“Quello australiano - è il punto di vista del ricercatore -, è un progetto interessante, d'avanguardia. E' una mossa molto forte, mediaticamente. Ed è auspicabile che venga replicato altrove, ove necessario. Le isole hanno degli ecosistemi fragilissimi. In Australia, il gatto è specie aliena, importata. E per questo ha determinato un'alterazione dell'ecosistema: le successive estinzioni di piccoli animali portano ad altre mutazioni. Spesso la gravità delle conseguenze non è nemmeno ponderabile".

gatto-merlo-mortoE in Italia? “E' ancora da valutare l'impatto dei gatti sul suolo nazionale - chiude Mattia -, perché è difficile farlo sul continente. Con il nostro lavoro abbiamo raccolto dati di numerose predazioni. Non si riesce a valutare l'impatto complessivo delle predazioni feline, si riesce però ad osservare una parte del fenomeno. Che è molto pericoloso, quasi sempre non percepito o sottostimato dalla popolazione. Mi auguro che si riesca a far passi in avanti, che tutte le persone comprendano le ragioni dei ricercatori e che quest'ultimi si avvicinino a chi non è del settore”.

In copertina foto Luca Cavigioli

@MattiaCialini

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento