La sfida di Duccio e Alberto, da Oxford a Pieve Santo Stefano in bici: 1.800 chilometri per Emergency

La partenza assieme lo scorso 5 agosto. L’arrivo nella città dei Diari è previsto il 20. Il racconto social dell’impresa

Mattia Cialini
Mattia Cialini
Invia per email  |  Stampa  |   9 agosto 2017 17:16  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo, Valtiberina


Mille e ottocento chilometri in bicicletta, da Oxford a Pieve Santo Stefano. E’ la sfida di due ragazzi che dallo scorso 5 agosto sono in sella ogni giorno. L’obiettivo? Arrivare nella città dei diari entro il 20 agosto e cercare di dare visibilità alla causa che supportano. Collegata all’impresa c’è infatti una raccolta fondi, da destinare ad Emergency.

Il progetto si chiama “Quanta strada” ed è descritto sulla piattaforma Just Giving e su una pagina facebook dedicata.

Duccio e Alberto percorreranno in bici 1.800 km da Kirtlington (Oxfordshire-UK) a Pieve Santo Stefano (Toscana-IT) in 15 giorni. Dal 5 al 20 agosto, attraversando Francia e Svizzera, arriveranno in Italia. Tutto rigorosamente in bici (traghetto sul canale della Manica escluso). L’obiettivo: raccogliere fondi da destinare ai progetti di Emergency, un’organizzazione italiana che fornisce aiuti medici e trattamenti chirurgici gratuiti per le vittime delle guerre e della povertà. Il link per le donazioni è https://www.justgiving.com/fundraising/quantastrada.

Uno dei due protagonisti è di Pieve Santo Stefano, si chiama Duccio dalla Ragione e ha 33 anni. Alberto, compagno di impresa, è invece di Flero (Brescia).

L’impresa è partita come da programma. Ma gli imprevisti sono all’ordine del giorno per i due giovani, che hanno deciso di raccontare, tramite i social, fatica e avventure del viaggio.

Immagini tratte da facebook

@MattiaCialini

 Mattia Cialini 
Mattia CialiniNato nel 1983, lacustre trapiantato in Toscana. Vivo ad Arezzo, mi sento a casa anche al Trasimeno e in Maremma. Laureato in comunicazione di massa all'Università di Siena. Amo scrivere, ho la fortuna di farlo per mestiere dal 2002. Sommelier Ais
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus