La green economy è un lavoro per giovani, convegno di Estra

L’offerta di green jobs in Italia è in continua crescita, anche grazie alle oltre 372 mila imprese della Penisola che hanno scelto di puntare sulla sostenibilità ambientale. A fronte però di questo mercato del lavoro “vivace”, soprattutto nel...

studenti

L’offerta di green jobs in Italia è in continua crescita, anche grazie alle oltre 372 mila imprese della Penisola che hanno scelto di puntare sulla sostenibilità ambientale. A fronte però di questo mercato del lavoro “vivace”, soprattutto nel settore delle fonti rinnovabili, l’Ocse ha lanciato un grido di allarme per l’Italia sul fronte scuola, invitando ad operare maggiormente nel settore della formazione ambientale. Proprio per incentivare i giovani ad avvicinarsi a questi temi, conoscere le opportunità offerte dal settore della green economy attraverso l’esperienza diretta in azienda, è nato il progetto ExTraRES ( Exchange and Training in Renewable Energy Sector),il progetto di mobilità transnazionale per studenti degli istituti di istruzione superiore tecnici e professionali, che facilita il contatto tra studenti e mondo delle imprese europee che operano nella green-economy.

Il progetto, presentato nel corso del Convegno “Giovani e green economy: alternanza scuola lavoro nella mobilità europea”, è promosso dalla multiutility Estra Spa, nell’ambito del Programma Europeo Erasmus+, Azione Mobilità ai Fini dell’Apprendimento, ambito Formazione Professionale, di cui ISFOL è Agenzia Nazionale. L’obiettivo è offrire a 105 studenti italiani degli istituti superiori partner (età compresa tra i 18 e i 21 anni) un tirocinio formativo di 2 mesi in imprese del settore della green economy in Belgio, Grecia, Malta, Portogallo, Regno Unito e Spagna. Il fine è quello di trasferire ai partecipanti conoscenze per lavorare nei settori della sostenibilità ambientale, produzione energia da fonti rinnovabili, riciclo, bioedilizia e accrescere così la loro competitività sul mercato del lavoro, che può contare ad oggi su più di 3 milioni di lavori verdi. Il progetto, che coinvolge 15 scuole in 4 regioni italiane (Toscana, Marche, Abruzzo e Umbria), è la continuazione del primo progetto Extrares, ammesso a finanziamento nel 2011 dalla Regione Toscana, con fondi di finanziamento POR CRO RT FSE 2007-2013 Asse V “Transnazionalità ed Interregionalità” grazie al quale gli studenti si sono recati in Germania, Olanda Malta, Inghilterra, Svizzera, Portogallo e Spagna.

Questa edizione di ExTtraRES intende trasferire nelle altre regioni italiane i successi ottenuti in Toscana nell’ambito del primo progetto.

“I numeri dei green jobs in Italia –ha detto Roberto Banchetti, Presidente di Estra - sono davvero importanti. Basti pensare ai circa 100.000 occupati nel settore delle rinnovabili o ai 72.000 nell’efficienza energetica, solo per citare due settori green. La green economy è diventata la parte propulsiva della nostra economia e offre grandi possibilità lavorative soprattutto ai giovani. Con il progetto ExTaRES vogliamo creare una sinergia tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro. ExTraRES si collega strettamente con il nostro progetto di educazione ambientale Energicamente, in quanto continua il percorso di campagna educativa per diffondere la cultura del risparmio energetico e per coinvolgere le scuole”

La partecipazione al progetto è aperta a tutti gli studenti o ai neo-diplomati (da almeno un anno), residenti in Italia, provenienti dalle scuole superiori partner. Prima della partenza, gli studenti seguiranno un percorso di orientamento sull’esperienza all’estero. Il progetto porterà numerosi benefici ai partecipanti coinvolti, sia sul profilo professionale sia su quello personale. Da una parte, il lavoro in aziende estere permetterà loro di migliorare le conoscenze tecniche apprese durante il percorso scolastico e li aiuterà ad entrare nel settore di riferimento avendo già acquisito esperienza sul campo; dall’altro lato, gli studenti miglioreranno la conoscenza delle lingue straniere, soprattutto nel linguaggio tecnico. Il progetto avrà, inoltre, ricadute occupazionali importanti sui giovani diplomati, i quali saranno più competitivi nel mercato del lavoro, avendo acquisito il know-how richiesto dalle aziende del settore. Alla fine dell’esperienza i partecipanti riceveranno un Certificato Europass Mobility, rilasciato dalla Commissione Europea e riconosciuto in tutta Europa. Un’esperienza lavorativa in un’azienda è senz’altro un investimento che ripaga. Già dopo un anno dal conseguimento del diploma o del titolo chi ha fatto uno stage lavora di più: il 58 per cento contro il 52 di chi non ha fatto esperienza nelle aziende.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • "E' il bar della droga". Il questore di Arezzo lo chiude 10 giorni

  • Aleandra Checcacci è stata ritrovata: è ricoverata all'ospedale di Saronno. Era scomparsa dal 31 luglio

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • Salvini contro Scanzi: "Ossessionato da me e dalla Lega". Il giornalista: "Il mio libro gli dà fastidio"

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento