Coronavirus: guarita la bimba di sei mesi. Ghinelli: "Al via nuova distribuzione di mascherine"

E' il sindaco di Arezzo ad annunciare che dal 20 aprile prossimo in tutte le farmacie e in alcuni supermercati del territorio prenderà il via la distribuzione di presìdi di protezione personale

Sono in tutto 73 gli aretini che attualmente stanno combattendo la propria battaglia contro il Coronavirus. “La buona notizia però - spiega il sindaco Alessandro Ghinelli - è che è guarita la piccola di 6 mesi che aveva contratto l’infezione. Stesso per la maestra che lo scorso 3 marzo era risultata positiva al virus. In tutto sono nove i guariti”.
Cinque invece, i nuovi casi registrati nella giornata di oggi e riguardanti il comune. “Tra questi - ha sottolineato il sindaco - c’è un operatore della rsa Guillichini mentre, gli altri 4 sono tutti contatti stretti di un caso già noto”. 153 coloro che si trovano in quarantena e residenti in città mentre, in tutta la provincia, se ne contano 457. 36 sono le persone ricoverate nel reparto di malattie infettive e 6 quelle in terapia intensiva presso l’ospedale San Donato. “Cifre che non devono farci abbassare la guardia in alcun modo - sottolinea ancora il sindaco - dobbiamo sempre usare la massima cautela”.

12 nuovi contagi nell'Aretino. Positivi al Covid anche tre bambini di 11, 7 e 13 anni

Per quello che concerne il capitolo controlli e sanzioni, nella giornata di oggi la polizia municipale ha staccato 4 multe ad altrettanti cittadini trovati in giro senza valida motivazione. “Questo implica - sottolinea il sindaco - che nonostante tutte le raccomandazioni siamo mediamente “indisciplinati”. Dobbiamo prendere le restrizioni in maniera più seria”.

E’ poi ancora Ghinelli a ricordare alcune importanti date per la distruzione dei presìdi di protezione personale.

“Dal 20 aprile - sottolinea - presso i supermercati Conad, Coop e Lidl e nelle farmacie del territorio saranno in distribuzione mascherine per tutti i cittadini. Si tratta di una disposizione della Regione Toscana. Ne spetteranno cinque a testa. La raccomandazione che faccio è quella di non uscire in massa per recarsi a ritirarle. Ce ne saranno per tutti e dunque, non c’è bisogno di correre fuori. Questo indirizzo della Regione mi trova d’accordo solo a metà perché, comunque, offre alle persone un motivo per uscire di casa. Ci siamo proposti come amministrazione di rimettere in moto la macchina dei volontari per la consegna a domicilio ma, nonostante le nostre sollecitazioni, questo avverrà solo per le fasce più anziane della popolazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In vista anche serrate in concomitanza con il 25 aprile e il 1° maggio rispettivamente, anniversario della liberazione e festa del lavoro. In entrambe le date resteranno aperte solo farmacie, para farmacie ed edicole per la vendita dei giornali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento