Donatori di sangue, una giornata per sensibilizzare gli aretini

Nel territorio della Sud Est si registrano dati altalenanti: donazioni che crescono in alcune zone ma diminuiscono in altre

Nel territorio della Asl Toscana sud est, le donazioni di sangue sono stabili nel complesso, confrontando il trend del 2017/18, con forti miglioramenti in alcune Zone e flessioni in altre. I dati del primo trimestre 2019, invece, fanno registrare una flessione che desta qualche preoccupazione. 
La diminuzione delle donazioni in alcune Zone, fenomeno che si registra in tutto il territorio toscano, non può lasciare indifferenti e spinge l’Azienda a programmare una serie di azioni. Un esempio su tutti è l’avviso pubblicato nel mese di maggio per individuare 5 medici, in via di definizione proprio in questi giorni, da destinare ai Centri Trasfusionali, così da potenziare l’organico e consentire un numero maggiore di donazioni. 
Ecco qualche esempio delle percentuali di confronto tra il 2017 e 2018.
Donazioni di sangue intero: Poggibonsi +14,28%; Massa Marittima - 8,48%; Abbadia San Salvatore + 47,53%; Arezzo - 0,29%; Grosseto - 8,38%. La variazione totale, a livello aziendale, non arriva all’1%.
Per quanto riguarda la donazione del plasma, ecco alcune variazioni: Poggibonsi + 34%; Cortona - 12,53%; Massa Marittima -11,35%; Pitigliano - 85,71%; Grosseto +21,94%. La situazione è quindi a macchia di leopardo. 

“Ringraziamo l’attività costante e fortemente radicata nel territorio delle associazioni, con le quali cerchiamo le soluzioni per risolvere i problemi legati alla carenza del personale sanitario e alla ricerca, con audit specifici e indagini sul percorso dei donatori, di possibili cause disincentivanti".

Dichiara il direttore dell’Area Funzionale di Medicina di Laboratorio e Trasfusionale, Agostino Ognibene in occasione della Giornata mondiale del donatore, in programma il 14 giugno, un evento internazionale istituito dalla World Health Assembly nel 2005.  
Il tema della campagna di quest'anno è la donazione di sangue e l'accesso universale alla trasfusione sicura. Lo slogan è "Sangue sicuro per tutti". Si tratta di un tema che stimola le persone a diventare donatori e donare sangue regolarmente.  
Anche quest’anno il Centro trasfusionale del San Donato di Arezzo collabora all’iniziativa dei Quartieri, dell’Istituzione Giostra e dell’Avis che si chiama “Corri anche tu la carriera vincente, diventa donatore e farai centro”.  Si tratta della terza edizione ed è un invito ai quartieristi donatori ad andare a donare proprio in questi giorni. Un’azione di sensibilizzazione e di informazione che attecchisce bene nel terreno fertile del mondo della Giostra, riferimento anche aggregativo e sociale per tanti aretini.

Potrebbe interessarti

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie

  • Zanzare, il Comune di Arezzo disinfesta: le precauzioni

  • Formiche, i rimedi naturali e non per allontanarle

  • 26 giugno 1288 | La disfatta senese alle Giostre del Toppo

I più letti della settimana

  • Trovato morto in un dirupo senza vestiti

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Si ribaltano con l'auto: incidente lungo le strade dell'Aretino. Giovane incastrata tra le lamiere

  • Chiusi dopo il caso del "tonno in ascensore". I titolari del ristorante: "Ci scusiamo, dateci fiducia"

  • Giostra, Porta del Foro torna a ruggire: dopo 12 anni porta a casa la lancia

  • È Giostra, alle 21,15 la decisione. Sopralluogo del quartieri sulla lizza - LIVE

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento