Demos lancia l’idea del Giostra Tour per i turisti

L’Osservatorio Demos pensa a un Giostra Tour che parte dai Bastioni di Santo Spirito per approdare a Porta Sant’ Andrea, fin dentro al cuore antico di Arezzo a Porta Crucifera, per arrivare là dove vibra l’anima giallo cremisi di Porta del Foro.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   24 agosto 2018 10:52  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo


Nota dell’osservatorio Demos, a firma di Giuseppe Giorgi.

La città sente il fremito della prossima Giostra del Saracino, tutta una comunità avverte il lievitare del clamore di correr Giostra. La Giostra per antonomasia, quella contro il Buratto, il Re delle Indie, non solo folclore ma storia, costumi, colori e musica, gioco di bandiera degli straordinari sbandieratori di Arezzo.
DEMOS l’Osservatorio dei cattolici democratici aretini propone alle Istituzioni e alla cittadinanza una nuova idea tra cultura, storia e turismo: perché non organizzare un nuovo percorso turistico che colleghi le sedi dei quartieri e unisca tutti i punti focali della Giostra?
Visite ai luoghi ma in particolare alle sale d’armi, autentiche gemme con le lance d’oro vinte e i costumi dei figuranti e cavalieri. Un Giostra Tour che entri a pieno titolo tra i pacchetti turistici che illustrano la città dei Santi Satiro e Donato. La storia di Arezzo è la vicenda dei suoi Grandi che hanno promosso cultura e arte ma La Giostra del Saracino recupera l’aura di periodi importanti per Arezzo, la Toscana, l’Italia.
Un Giostra Tour da offrire ai turisti e a quegli aretini che amano il torneo cavalleresco ma non ne conoscono in profondità lo scrigno di notizie, tradizioni che raccoglie la Giostra del Saracino.
L’Osservatorio DEMOS pensa a un Giostra Tour che parte dai Bastioni di Santo Spirito per approdare a Porta Sant’ Andrea, fin dentro al cuore antico di Arezzo a Porta Crucifera, per arrivare là dove vibra l’anima giallo cremisi di Porta del Foro.
Dalla Colombina alla Chimera un viaggio lungo le antiche vie della Giostra.
Un itinerario turistico, il Giostra Tour, d’accompagnare a iniziative eno-gastronomiche che potrebbero presentare piatti e bevande coevi della Toscana a cavallo (il riferimento non è casuale ) tra XIII e XIV sec.. La crescita esponenziale dell’attività di quartiere in questo ultimo ventennio chiama in campo nuove responsabilità di promozione turistica, riscoperta culturale.
La Giostra è disfida, è nobil tenzone, è gara di abilità, sofferenza e passione ma è anche Arezzo nella sua bellezza autentica.
Un grande giornalista, Carlo Dissennati, soleva ricordare e non solo per la Giostra, che chiunque vinca, comunque vinca Arezzo.
Il Giostra TOUR per Arezzo e il turismo di qualità.

blog comments powered by Disqus