Un defibrillatore per la Chiassa Superiore. Taglio del nastro e corso di formazione

Sabato 13 luglio l'ordine degli infermieri formerà 20 cittadini della Chiassa, alle 19 la cerimonia nella piazza della chiesa

Immagine di repertorio

Un privato ha donato il defibrillatore, il gruppo Fratres ha acquistato il supporto per installarlo e l'ordine delle professioni infermieristiche di Arezzo ha organizzato gratuitamente il corso di formazione per utilizzarlo.

E' un vero e proprio percorso virtuoso quello che si è attivato alla Chiassa Superiore per cardioproteggere il paese e per l'occasione è stato organizzato un vero e proprio evento di festa che si svolgerà sabato 13 luglio nella piazza della chiesa.

Nel pomeriggio i locali parrocchiali ospiteranno il corso di formazione per il corretto utilizzo del defibrillatore, al quale hanno già aderito 20 cittadini della Chiassa, mentre la cerimonia di inaugurazione avrà inizio alle 19 con gli interventi del parroco don Francesco, della ditta Patrone Edile che ha acquistato e donato lo strumento, del presidente del gruppo Fratres “Papa Giovanni Paolo II” Carlo Mencarelli e con quello del presidente dell'Ordine degli infermieri Giovanni Grasso, ai quali si aggiungeranno quelli delle autorità, tra le quali è annunciata la presenza del vescovo Riccardo Fontana.

Alle 19.30 è in programma una simulazione di rianimazione cardio-polmonare e di utilizzo del defibrillatore nella piazzetta adiacente alla chiesa con il docente infermiere Luca Bichi e la serata si concluderà, per chi lo vorrà, con una cena alla pizzeria della parrocchia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo curato volentieri l'organizzazione dell'evento – spiega il presidente dell'ordine delle professioni infermieristiche Giovanni Grasso - mettendo insieme tutte queste varie realtà con la consapevolezza che davvero il gesto della donazione unisce e rende più forti, come recita l'invito della manifestazione. E' un modo ulteriore per declinare la figura dell'infermiere vicino al cittadino che è alla base del nostro agire".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento