Cyberbullismo, esperti a confronto in un incontro alla Borsa Merci

Il Centro territoriale di supporto disabilità e nuove tecnologie, il provveditorato di Arezzo e l’Itis Galileo Galilei organizzano un incontro per venerdì 22 aprile dalle 17,30 alla Borsa Merci dal titolo “Sicurezza sul web”. L’iniziativa, che ha...

lucia-tanti2

Il Centro territoriale di supporto disabilità e nuove tecnologie, il provveditorato di Arezzo e l’Itis Galileo Galilei organizzano un incontro per venerdì 22 aprile dalle 17,30 alla Borsa Merci dal titolo “Sicurezza sul web”.

L’iniziativa, che ha il patrocinio del Comune di Arezzo, parte da un progetto più ampio che vede il centro territoriale di supporto come promotore di una serie di interventi nei confronti dei docenti delle scuole di tutta la provincia, degli alunni e dei genitori verso i temi della prevenzione e del contrasto a bullismo e cyberbullismo.

In occasione dell’iniziativa, durante la quale interverranno Maria Cristina Severi psicologa del Comune di Arezzo, Walter Dell’Arciprete dirigente della Polizia postale e l’avvocato Giuseppe Serafini presidente del Centro studi di informatica giuridica di Perugia, sarà premiato il vincitore del concorso indirizzato agli studenti “CB-Help Sportello Cyberbullismo” bandito per la realizzazione del logo che contraddistinguerà lo sportello di ascolto di prossima apertura. Saranno comunque esposti tutti i lavori degli alunni delle scuole partecipanti.

L’assessore alle politiche giovanili e familiari Lucia Tanti: “mi preme sottolineare due aspetti: il primo è un approfondimento specifico su una materia molto attuale come la sicurezza sul web. Famiglie e scuole devono essere pronte a vivere le nuove sfide portate dalla tecnologia, che hanno risvolti ovviamente positivi ma anche negativi. Secondo: queste problematiche si legano fortemente al tema più generale della sicurezza che è una priorità della giunta Ghinelli. Sulla sicurezza intendiamo mettere a sistema un percorso integrato, completo e duraturo con l’assessore Barbara Magi, insieme alla quale molti progetti stanno già prendendo forma. L'appuntamento di venerdì è dunque un tassello di un quadro complessivo. Perché sicurezza vuol dire certamente sicurezza nella case o per strada ma è anche quella che deriva da aspetti meno evidenti o eclatanti come quelli legati al mondo virtuale e informatico. Vogliamo permettere ad Arezzo di vantare focus group sulla sicurezza in ogni sua sfaccettatura”.

La preside dell'Itis Emanuela Caroti: “l'ampliamento delle possibilità di comunicazione ha un rovescio della medaglia: l'uso scorretto degli strumenti derivante dalla mancanza di consapevolezza. Come lo affrontiamo? Facendo formazione sui ragazzi e sui docenti. Anche questi ultimi a volte non si rendono conto e non sanno come intervenire perché spesso il cyberbullismo è sotterraneo e si svolge fuori degli edifici scolastici”.

La responsabile del progetto, professoressa Barbara Falcone: “docenti, famiglie e cittadinanza sono i cardini attraverso i quali intendiamo consolidare questo percorso per ottenere una consapevolezza diffusa. Dopo di che lo sportello di ascolto dove rivolgersi e chiedere consulenza sarà il passo successivo. A tale proposito, la vincitrice del concorso per il logo è Silvia Marzotti e frequenta la IV classe del Liceo Artistico”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • New Delhi, oltre 30 decessi sospetti in Toscana. L'infettivologo di Arezzo: "Vi spiego come si previene"

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Fare la spesa risparmiando, la guida di Altroconsumo: ecco la classifica dei supermarket di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento