L'allarme di Confagricoltura: "Dal Tar una sponda ai talebani ambientalisti. Rischiamo l'abbandono dei campi"

Simone Ciuffi, vicepresidente e responsabile del settore caccia: "Disposta la sospensiva sul contenimento del cinghiale. Dopo le avversità meteo e le predazioni dei lupi, un'altra beffa per il nostro mondo"

Non bastano le avversità metereologiche che stanno flagellando i nostri raccolti, le scelte scellerate della politica comunitaria, l’aumento della predazione del lupo, i danni quotidiani degli ungulati che il nostro mondo si trova a fare i conti con una nuova beffa. Il TAR della Toscana ha accolto da pochi giorni il ricorso delle associazioni ambientaliste/animaliste e disposto la sospensiva sugli interventi di controllo e contenimento del cinghiale con il metodo della braccata, come previsto dall’Art. 37 della L.R. 3/94.

Queste le considerazioni di Simone Ciuffi, vice presidente e responsabile del settore caccia di Confagricoltura Arezzo.

“Vendiamo nel mondo il brand “Toscana” che evoca nell’immaginario collettivo paesaggi curati, colline armoniose ricoperte di ulivi, campi coltivati, vigneti baciati dal sole; un marchio che racconta un territorio reso appetibile dal lavoro incessante degli agricoltori che si adoperano quotidianamente nella sua gestione, resa sempre più difficile anche dalle prese di posizione di questi talebani ambientalisti. Proprio gli ambientalisti che dovrebbero essere i primi a sostenere e incentivare il nostro lavoro, compiono passi che si ripercuotono con conseguenze devastanti per il nostro settore".

Ciuffi sposta l'attenzione anche sull’impatto ambientale, sui pericoli costanti alla circolazione stradale e sui rischi occupazionali che corrono le imprese.

"La sospensiva arriva in un periodo dell’anno in cui diventa vitale provvedere alla tutela dei frutti del nostro lavoro; frutti che saranno vanificati dai prevedibili danni che subiremo dal non contenimento di tale ungulato. Oltretutto le nostre aziende hanno a che fare con una gestione non concertata dell’ATC Arezzo 1 che, da oltre un anno, passa da un commissariamento all’altro, senza che ci sia dato sapere nulla sulla gestione economico patrimoniale, nonostante le nostre innumerevoli richieste, e con i rimborsi dei danni subiti fermi ancora oggi al 2015. Nell’assordante silenzio degli enti preposti e del mondo venatorio, con la sospensiva in atto, con quale prospettiva potremo continuare a portare avanti il nostro lavoro? Si rischia seriamente l’abbandono dei campi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento