Comune parte in giudizio contro Rsu. PM: "Situazione di stallo. Il sindaco mantenga le sue promesse"

“Mantenere la parola data. Questo è un valore tra i più preziosi”. Il commento è quello di Roberto Prestigiacomo, rappresentante sindacale Csa di Arezzo e agente della Polizia Municipale. Tornano ancora una volta ad accendersi i riflettori sulla...

 

“Mantenere la parola data. Questo è un valore tra i più preziosi”.

Il commento è quello di Roberto Prestigiacomo, rappresentante sindacale Csa di Arezzo e agente della Polizia Municipale.

Tornano ancora una volta ad accendersi i riflettori sulla vicenda riguardante la vertenza dei dipendenti comunali aretini i quali, dopo l’insediamento del nuovo governo cittadino, attendono di riuscire a risolvere le annose questioni che li vedono protagonisti. Tra questi ci sono appunto gli agenti della Polizia Municipale di Arezzo che, in più di un’occasione, hanno sottolineato come le loro condizioni di lavoro, i mezzi, il salario e la distribuzione delle competenze non sia affatto idonea per garantire un servizio di qualità ai cittadini.

“Non ci dimentichiamo che in campagna elettorale sono stati presi dal sindaco Ghinelli impegni ben precisi – sottolinea Prestigiacomo – noi chiediamo di onorare questi impegni perché è da qui che si vede il valore delle parole espresse”.

Ma non è tutto Per quanto riguarda gli agenti della Pm resta ancora in sospeso la questione riguarda il pagamento dei festivi infrasettimanali.

“Le condizioni di lavoro non sono certo ottimali per il nostro comparto – sottolineano i rappresentanti sindacali della Pm – inoltre è notizia proprio di questi giorni la decisione da parte dell’amministrazione comunale di costituirsi parte in giudizio nella causa intentata dalla Rsu e dal Csa riguardo proprio il salario festivo infrasettimanale. Tutto al momento è rimasto come nella precedente amministrazione. Siamo in una fase di stallo. Inoltre siamo ancora in attesa che venga corrisposto il salario accessorio. La richiesta è quella di avere una Polizia Municipale pronta e presente e che possa operare al servizio del cittadino. Per fare questo c’è bisogno di mezzi, strutture e una sede adeguata. Anche il comando dove si trova la sede della Pm, come noto, si presenta in condizioni quanto meno fatiscenti. Chiediamo un maggiore interesse per il nostro comparto e maggiore impegno affinché le nostre condizioni di lavoro possano migliorare”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento