Cena degli Sbandieratori nella sede storica di Banca Etruria: esplode la polemica

Le reazioni degli aretini, neanche a dirlo, non sono state delle più entusiaste. Per molti infatti, è ancora troppo fresca la “ferita” causata dall’applicazione del decreto salva-banche e la scelta di questa ambientazione ha suscitato più di una polemica online.

Claudia Failli
Claudia Failli
Invia per email  |  Stampa  |   29 dicembre 2016 11:17  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo

Articoli correlati



La polemica è esplosa su Facebook dove, in molti e in più pagine/profili, non si sono lasciati sfuggire l’occasione di esprimere la propria amarezza per la scelta della location.
Si è tenuta ieri sera, all’interno della sede storica di Banca Etruria in Corso Italia, la consueta cena di fine anno del gruppo Sbandieratori di Arezzo. Un’ambientazione del tutto nuova che però ha fatto storcere il naso a più di una persona.
E’ stato su iniziativa del gruppo Sbandieratori che l’istituto di credito, sponsor della Giostra del Saracino e partner delle associazioni legate al mondo giostresco, ha dato la propria disponibilità ad accogliere l’evento all’interno dello sfarzoso salone della sede storica.

“Cena degli sbandieratori in una location che, specialmente in questo periodo, ha un significato particolare – scrive sul proprio profilo Facebook Gianfrancesco Gamurrini, vicesindaco di Arezzo – Non voglio soffermarmi sugli errori del passato ma questo è un giusto tentativo da parte della nuova dirigenza di riallacciare un rapporto con la città”.

Le reazioni degli aretini però, neanche a dirlo, non sono state delle più entusiaste. Per molti infatti, è ancora troppo fresca la “ferita” causata dall’applicazione del decreto salva-banche e la scelta di questa ambientazione ha suscitato più di una polemica online.

 Claudia Failli 
Claudia FailliValdarnese di nascita e aretina di adozione. Cittadina del mondo grazie al web (cit.). Appassionata di fotografia, video e social network. Il mondo lo guardo da un oblò ma non mi annoio nemmeno un po'.
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus