Fischio, l'ultimo dei campanari: 80 anni e suona le campane "a morto"

Benito Borgogni è l'ultimo dei campanari. Custodisce i segreti di un mestiere antico e ad oggi, continua, in caso di necessità, a suonare le "campane a morto"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

All'anagrafe si chiama Benito, ma tutti a Pietraviva (ridente frazione di Bucine) lo conoscono come "Fischio". Oggi ha soffiato le sue prime 80 candeline.

Benito Borgogni è l'ultimo dei campanari. Custodisce i segreti di un mestiere antico e ad oggi, continua, in caso di necessità, a suonare le "campane a morto", tirando le funi come accadeva secoli fa . Nella vita è stato un artigiano: produceva i granatini di scope (erica), e ha lavorato - e lavora tutt'oggi - il legno realizzando sculture con radice di scopa. 

"Suonare le campane non è uno scherzo" dice nel video. Ed è proprio così: in  pochissimi ormai conoscono questa arte, antica e faticosa. 

A Benito, detto Fischio, oggi vanno gli auguri della famiglia, dei suoi cari, dei suoi amici e della nostra redazione. 

Potrebbe Interessarti

  • Violenta grandinata: lucernari rotti e lunotti spaccati. Mele, pesche e cocomeri: massacro in campagna

  • Scivola, resta impigliata con la mano nella rete e si amputa un dito

  • Perde il controllo dell'auto e scivola giù nel torrente Castro: illeso l'autista

  • Schiaffi e minacce all'asilo nido. Bambini colpiti dalla maestra: le immagini shock

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento