Barriere architettoniche: l’abbattimento parte da via Garibaldi. E’ il primo intervento del Peba

Il primo lotto di lavori prevede la demolizione dell’attuale marciapiede in asfalto e la sua sostituzione con un nuovo marciapiede e un dosso per l’attraversamento pedonale all’altezza della chiesa della Misericordia. Dalla chiesa stessa fino a via Guido Monaco, il restante marciapiede sarà restaurato e dotato di nuova pavimentazione. Con il secondo lotto, si procederà invece alla sistemazione dell’angolo di strada dove un tempo sorgeva un distributore di carburante e oggi vi è la scalinata che conduce alle poste centrali.

Claudia Failli
Claudia Failli
Invia per email  |  Stampa  |   11 gennaio 2018 12:37  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo


Nell’elenco delle priorità è stato indicato come essenziale.
Il rifacimento di quei settantacinque metri che percorrono, da un lato e dall’altro, via Garibaldi è il primo passo compiuto dal Comune di Arezzo per l’attuazione del Peba, piano eliminazione barriere architettoniche.
Con un investimento complessivo di 100mila ecco che il marciapiede che costeggia piazza del Popolo sarà riqualificato. Il cantiere potrebbe aprire già a marzo perché di fatto, il progetto per questa opera è già stato approvato nella sua fase esecutiva.

“Dopo che il consiglio comunale – spiega il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini – nel dicembre 2016, approvò il piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, abbiamo cercato di mettere subito in campo la progettualità necessaria a dare attuazione a queste disposizioni. Il Peba individua sei ambiti territoriali urbani ma copre in una prima fase l’area del centro storico. E del centro storico fa parte la porzione di via Garibaldi che abbiamo individuato come antesignana di questi interventi”.

“Via Garibaldi non è stata scelta a caso – continua Gamurrini – è una strada che attraversa o è limitrofa a parti di città recentemente oggetto di interventi di recupero e di riqualificazione: via Guido Monaco, piazza del Popolo, l’immobile ex logge del grano, l’area un tempo destinata alle caserme. I tecnici comunali hanno così pensato di ridefinire gli spazi di transito pedonale di via Garibaldi secondo una logica di raccordo con quanto già eseguito negli anni in zone contermini. Il marciapiede è fondamentale per l’attuazione del Peba in quanto collega molti parcheggi riservati ai disabili, presenti sia in area ex Cadorna che in centro storico. È di fatto l’esigenza rappresentata come più utile dal gruppo di lavoro che ha partecipato alla stesura del piano.”.

Il primo lotto di lavori prevede la demolizione dell’attuale marciapiede in asfalto e la sua sostituzione con un nuovo marciapiede e un dosso per l’attraversamento pedonale all’altezza della chiesa della Misericordia. Dalla chiesa stessa fino a via Guido Monaco, il restante marciapiede sarà restaurato e dotato di nuova pavimentazione. Con il secondo lotto, si procederà invece alla sistemazione dell’angolo di strada dove un tempo sorgeva un distributore di carburante e oggi vi è la scalinata che conduce alle poste centrali.

 Claudia Failli 
Claudia FailliValdarnese di nascita e aretina di adozione. Cittadina del mondo grazie al web (cit.). Appassionata di fotografia, video e social network. Il mondo lo guardo da un oblò ma non mi annoio nemmeno un po'.
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus