Assemblea Anci Toscana, la voce dei sindaci “neutrali ma attivi”

Biffoni: Siamo ente bipartsan, nostre richieste condivise. Ok al budget 2018

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   13 febbraio 2018 17:28  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo


Via libera al piano delle attività a al budget per il 2018 e condivisione di “Neutrali ma attivi”, documento con le richieste ai candidati alle prossime elezioni politiche, aperto a contributi e suggerimenti. Questa la sintesi dell’Assemblea ordinaria dei soci di AnciToscana, che si è tenuta oggi alle Murate di Firenze in una sala affollata da oltre cinquanta sindaci da tutta la regione: una delle più partecipate degli ultimi anni. I lavori sono stati aperti dalla relazione del presidente e primo cittadino di Prato Matteo Biffoni.

“Se in momento difficile come quello che stiamo vivendo esiste un ente bipartisan, questo è Anci Toscana. Siamo a disposizione di tutti i candidati al voto del 4 marzo per raccontare le nostre richieste e le nostre priorità – ha detto Biffoni – Le questioni che interessano i sindaci, e quindi i cittadini che vivono le nostre città, sono simili, qualsiasi sia la parte politica che rappresentiamo. Per questo, vogliamo proporre a chiunque uscirà vincitore da questa tornata elettorale una serie di richieste che in maniera trasversale riguardano la vita di tutti noi, e che vanno dalla mobilità alla sicurezza, dai temi del sociale all’urbanistica. Vogliamo così proseguire un percorso iniziato nel corso del tempo; Anci ha un rapporto costante con il governo ed alcune cose anche molto importanti sono state ottenute, ora da questa assemblea inziamo a lavorare  per artrivare ad altri riconoscimenti, che servono alla vita dei nostri Comuni, delle nostre famiglie e delle nostre imprese”. Mentre per quanto riguarda le questioni più regionali, Biffoni ha citato in particolare due temi importanti quali l’edilizia residenziale pubblica e i rifiuti: “Temi sui quali le opinioni dei sindaci devono ncessariamente essere ascoltate e discusse” ha ribadito.

Nel suo intervento, Biffoni ha poi ricordato che i servizi di AnciToscana ai Comuni sono incrementati ed evoluti nel tempo: “sempre più spesso siamo noi ad andare nei territori e non viceversa” ha sottolineato, invitando i Comuni ad utilizzare i tanti servizi e il supporto operativo che l’associazione offre su tutti i temi della pubblica amministrazione. Servizi indicati in maniera particolareggiata dal piano delle attività e dal budget per il 2018 illustrati dal direttore Simone Gheri, che l’assemblea a votato a larghissima maggioranza (tutti favorevoli e un astenuto).

Qui il piano delle attività

Qui il documento condiviso

blog comments powered by Disqus