Asili e nidi di Arezzo: più di 100 esenti dai pagamenti. Tanti: “Costi fino a mille euro, rette al massimo di 580”

L’amministrazione dichiara che i costi per i lattanti (0-6 mesi) del nido è di 1.000 euro al mese, mentre i bimbi più grandi del nido (6 mesi – 3 anni) è di 800. Per le scuole dell’infanzia (3-6 anni) il costo medio calcolato dal Comune è invece di 500 euro. Il conto presentato alle famiglie è di 580 euro per i nidi e 250 per le scuole dell’infanzia. Ma ci sono gli sgravi: sotto i 3.500 euro di Isee l’accesso al servizio è gratuito. Tra 3.500 e 50mila euro di Isee è proporzionale al reddito. Mentre oltre 50mila si applicano le tariffe più alte.

Mattia Cialini
Mattia Cialini
Invia per email  |  Stampa  |   13 febbraio 2018 0:04  |  Pubblicato in Attualità, Arezzo

Articoli correlati



Un contributo di 252 euro a famiglia per ogni bambino che frequenta l’asilo (nido o dell’infanzia) comunale o privato paritario. Il Comune di Arezzo, la scorsa settimana, ha annunciato attraverso le parole dell’assessore Tanti, come sarà impiegato il contributo di quasi 350mila euro che l’amministrazione ha ricevuto dal Ministero dell’istruzione.

Una somma che concorrerà ad abbattere il costo delle rette, che per i nidi (0-3 anni), a prezzo pieno, è di 580 euro al mese e per l’infanzia (3-6 anni) è di 250.

Ma il Comune di Arezzo – spiega Lucia Tanti – faceva già molto prima di quest’ulteriore contributo, perché i costi medi di gestione sono ben più alti. E oscillano tra i 1.000 euro a bambino (per i più piccoli) a 500.

E allora cerchiamo di far chiarezza nei numeri. L’amministrazione dichiara che i costi per i lattanti (0-6 mesi) del nido è di 1.000 euro al mese, mentre i bimbi più grandi del nido (6 mesi – 3 anni) è di 800. Per le scuole dell’infanzia (3-6 anni) il costo medio calcolato dal Comune è invece di 500 euro.

Il conto presentato alle famiglie, come detto, è di 580 euro per i nidi e 250 per le scuole dell’infanzia. Ma ci sono gli sgravi: sotto i 3.500 euro di Isee l’accesso al servizio è gratuito. Tra 3.500 e 50mila euro di Isee è proporzionale al reddito. Mentre oltre 50mila si applicano le tariffe più alte.

Al momento, al nido – dice Tanti – abbiamo 455 bambini utenti, di questi 53 sono esenti. Pagano zero. Alla materna sono invece 450 i bambini utenti con 56 esenti. L’utenza potenziale complessiva è di 2.326 bambini. E visti i costi di gestione calcolati dai nostri uffici – conclude l’assessore – il Comune copre già i costi da un minimo del 40% fino a un massimo del 100%, a secondo dell’Isee delle famiglie. E ogni anno stiamo facendo di più: nel 2018 abbiamo preventivato un incremento di spesa del 2,57% rispetto al 2017, passando da 6.206.046 euro a 6.365.782 euro. E il balzo rispetto a due anni fa è ancora superiore: nel 2016 la spesa era stata di 5.761.469 euro.

@MattiaCialini

 Mattia Cialini 
Mattia CialiniNato nel 1983, lacustre trapiantato in Toscana. Vivo ad Arezzo, mi sento a casa anche al Trasimeno e in Maremma. Laureato in comunicazione di massa all'Università di Siena. Amo scrivere, ho la fortuna di farlo per mestiere dal 2002. Sommelier Ais
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus